Google rinfresca il motore con un pizzico di ricerca semantica

Aziende

La tecnologia del motore di ricerca aggiunge due novità: una relativa ai concetti correlati ed una legata agli snippet

Google non pensa soltanto al suo ecosistema di servizi online, ma aggiorna anche la sua tecnologia alla base del search engine. La tecnologia del motore di ricerca si arricchisce due novità: una relativa ai concetti correlati, grazie a un pizzico di ricerca semantica, ed una legata agli snippet (stringhe).

Google vuole cercare di associare concetti alle query di interrogazione inserite dagli utenti, per rendere l’approccio alla ricerca online più completo e più legato ai significati che alle keyword. Ma si tratta ancora di un piccolo lifting e non ancora un vero passo avanti. Le associazioni e suggerimenti correlati verranno indicati in cima o in fondo alle Serp, e sono frutto dell’acquisizione di Orion, l’algoritmo inventato da Ori Allon .

Un esempio: se un utente ricerca “Principi della fisica”, Google gli proporrà anche concetti associati quali: relatività, meccanica quantistica eccetera; e non solo la query digitata: Principi and (or) fisica.

L’altra novità, invece, riguarda le interrogazioni formate da tre parole, che otterranno uno snippet più ampio, per aiutare gli utenti a individuare la rilevanza o meno del risultato online.

Due anni fa Google ha presentato Google Universal , basato su Universal Search nel corso dell’evento Searchology. Universal Search o ricerca universale (o unificata) integra i risultati di ricerche effettuate attraverso l’intera gamma dei servizi di Google, YouTube compreso: invece della ricerca verticale (per categoria: video, immagini eccetera), la ricerca di Google.com diventa orizzontale e unificata, con i risultati nella stessa pagina.

L’idea di mettere in una stessa pagina i risultati di ricerca da testi, video, blog, immagini, guarda alla nuova era multimediale del Web 2.0 e cerca di soddisfare, ma soprattutto capire, le richieste dell’utente. Ma a Google interessa anche avere utenti che spendono molto più tempo su Google.L’algoritmo universale si affianca a progetti come Experimental o Cross-Language Information Retrieval .

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore