Google si dà all’eolico

AziendeMarketing

Google punta sull’eolico per fornire energia eolica a 1.9 milioni di case dalla Virginia a New York e New Jersey

L’innovazione di Google gira a 360 gradi. Come le pale dell’eolico. E non è un caso, forse, che l’ultima idea di Google consista nel produrre energia eolica per l’East Coast. In pochi giorni Google ha presentato l’auto che si guida da sé (una Prius senza conducente), poi il Google Price Index, uno strumento per calcolare l’inflazione e adesso vuole fornire energia eolica a 1.9 milioni di case dalla Virginia a New York e New Jersey.

Google ha investito in un progetto detto Atlantic Wind Connection, nello sforzo di creare di una ”spina dorsale” per impianti eolici off shore, lungo la costa atlantica degli Stati Uniti: una linea subacquea di circa 600 chilometri su cui montare in futuro pale eoliche.
Il valore stimato dell’operazione è pari a 5 miliardi di dollari, secondo il New York Times.
Il backbone di Google vorrebbe avere la capacità di distribuire 6,000 MegaWatt, sufficienti per 1.9 milioni case. Il progetto è messo in piedi da

Trans-Elect, con fondi di Google, dell’investitore in energie rinnovabili Good Energies e della giapponese Marubeni. Google crede da sempre nelle energie rinnovabili:dai pannelli solari sul GooglePlex ad altre iniziative.
In occasione di Cop15 a Copenaghen, Idc ha spiegato come l’Information technology e tutto l’Ict potrebbero aiutare a tagliare 5.8 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 entro il 2020.

L’impegno ambientalista di Google è noto da tempo. Google scommette dal 2007 sull’EcoTech per creare elettricità da fonti energetiche alternative, a costi più bassi rispetto a quello del carbone. Il progetto di Google si chiama Renewable Energy Business e si concentra sullo sviluppo di tecnologie per la produzione e l’utilizzo di energia termo-solare , eolica e per la creazione di sistemi geotermici ed altre tecnologie competitive.

Larry Page, co-fondatore di Google, che crede nel binomio scienza/affari, ha affermato: “Attraverso il lavoro congiunto di grandi scienziati, ottimi partner e investimenti significativi speriamo di portare avanti questo progetto rapidamente. Il nostro obiettivo è realizzare 1 gigawatt di capacità di energia rinnovabile più economica del carbone e siamo ottimisti sul fatto che ciò possa avvenire nel giro di pochi anni e non decenni“. Da tempo Google ha lanciato PowerMeter per monitorare il consumo elettrico in bolletta. E a dicembre ha ottenuto l’ok Antitrust per Google Energy, per cquistare e rivendere energia elettrica a prezzi di mercato: ma solo per i propri datacenter.

Google investe nell'eolico
Google investe nell'eolico: 5 miliardi di dollari

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore