Google smentisce di volere la Rete a doppia velocità

NetworkReti e infrastrutture

Il motore di ricerca, preso di mira dal Wall Street Journal, nega di voltare le spalle ai princìpi della neutralità della Rete. Il quotidiano finanziario di Rupert Murdoch è accusato di aver attaccato, gratuitamente e senza prove, Google e Obama

Ieri VNUnet.it si chiedeva se fosse possibile che Google, paladino della Net neutrality, stesse cercando di ottenere una corsia preferenziale per i propri contenuti sull’autostrada di Internet. La Rete a doppia velocità, una per i server di Google e altri, e una per gliutenti comuni, era uno schiaffo e un voltafaccia, decisamente repentino, ai princìpi della neutralità della Rete, difesi da Google in più occasioni (anche contro i filtri di Comcast e degli Isp a stelle e strisce). A orchestrare il tutto, o per lo meno a offrire una spalla ai big come Google, sarebbe stato addirittura il nèo Presidente eletto Barack Obama.

A lanciare l’allarme su Google OpenEdge era stato il Wall Street Journal, il quotidiano finanziario di Rupert Murdoch, ripreso poi da Reuters.

Mentre le indiscrezioni facevano il giro della Rete sollevando ondate di proteste, Google smentiva di volere la Rete a doppia velocità. Sul Blog ufficiale, Richard Whitt di Google dice che il Wsj ha fatto confusione eutilizzato toni iperbolici.

Google OpenEdge, noto come Google Global Cache, non è nulla di rivoluzionario, nè impatta sulle infrastrutture dellaRete, né tanto meno infrange i princìpi dellaNet neutrality, che Google difende con coerenza tuttora: server destinati l caching possono essere utilizzati da chiunque in Rete, e l’Edge caching si riferisce ai local caching di aziende del calibro di Akamai, Limelight e Cloudfront di Amazon. Portando i video e i contenuti di Youtube vicino agli utenti finali, i siti possono semplicemente migliorare il tempo di carcamento delle pagine.

La rete a due velocità a pagamento non è dunque in cantiere, né rientra nei programmi di Obama, che vuole anzi la banda larga per tutti. Il Wall street Journal avrebbe invece inscenato un attacco gratuito a Google e Obama, senza prove.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore