Green It: oramai una necessità

Workspace

Secondo gli esperti la diffusione dell’informatica e il crescente uso di
computer sta facendo aumentare il consumo di energia. Bisogna pensare a una ?It
verde?

Non si tratta più di una scelta, ma di una vera e propria necessità. Ad affermarlo sono gli analisti di Butler Group, che in accordo con il dipartimento governativo inglese Trade and Industry, hanno rilevato che l’uso energetico dei computer si sta avvicinando a 7 Terawatt ora. Entro il 2020, sostengono, si arriverà a 10 Terawatt ora. Con l’aumento dei prezzi legati all’energia, che affligge tutti i settori industriali, qualsiasi riduzione dei consumi è vista positivamente. Per questo, sostengono gli analisti, parlare di Green It è oramai una necessità. Secondo una organizzazione inglese indipendente, la Carbon Trust, il consumo di energia delle attrezzature per l’ufficio rappresenta il 15% della energia complessiva consumata nel Regno Unito. E questa percentuale è destinata a raddoppiare entro il 2020. Dagli studi effettuati in materia, emerge che i monitor dei Pc e le unità di sistema assorbono circa i due terzi dell’energia, mentre fotocopiatrici e stampanti consumano circa il 25% del totale. In Inghilterra si stima che un ufficio spenda ogni anno fino a 150 milioni di sterline di elettricità. Un normale computer fisso con schermo Crt, consuma circa 240 sterline nell’arco di quattro anni; un portatile consumerà circa un quarto, e proprio per questo molte organizzazioni stanno valutando con attenzione i loro acquisti, con un’occhio di riguardo proprio al consumo energetico delle macchine. In Internet c’è un indirizzo specifico dove trovare una lista con le apparecchiature a basso consumo di energia: www.eu-energystar.org. L’oragnizzazione internazionale Greenpeace ha affatto di più: ha raccolto i dati relativi ai vari produttori, in relazione al loro comportamento, e ha redatto un rapporto molto dettagliato con le aziende più o meno ?cattive? dal punto di vista dell’uso di materiali pericolosi e l’eliminazione dei computer a fine vita. In questo rapporto appare Dell al primo posto, mentre Lenovo conquista la maglia nera.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore