Guai giudiziari in vista per la Ferrari e per i suoi piloti

Network

Un austriaco ha aperto un sito Internet per raccogliere adesioni alla sua decisione di denunciare per sospetta truffa il team di Maranello, Schumacher e Barrichello.

In attesa delle comunicazioni e dei provvedimenti che la Federazione Internazionale dellAutomobile prender nei confronti della Ferrari e dei suoi piloti Michael Schumacher e Rubens Barrichello, si profilano altri guai – stavolta di natura giuridica – per i tre protagonisti dei fatti accaduti domenica scorsa sulla pista di Zeltweg, in occasione del Gran Premio dAustria di Formula 1. Wolfgang Polt, un imprenditore di Graz, ha infatti deciso di rivolgersi alla magistratura ordinaria del suo Paese, denunciando i due driver e il team di Maranello per sospetta truffa ai danni degli spettatori. Polt ha anche aperto un sito Internet per raccogliere ulteriori adesioni alla propria denuncia. Lassurda decisione di Jean Todt, responsabile della Gestione Sportiva della Ferrari, di fare superare Barrichello – dominatore delle prove e del Gran Premio dAustria – da Schumacher rischia di diventare un pericoloso boomerang sia per la Squadra Corse sia per la stessa Casa modenese. La Fia – che non ha assolutamente intenzione di passare sopra alla sceneggiata improvvisata da Schumacher sul podio (facendo salire Barrichello sul gradino pi alto del podio e dando a lui la coppa riservata al vincitore, il campione del mondo credeva di potere calmare la rabbia e i fischi del pubblico di Zeltweg, ma non si rendeva conto di stravolgere il rigido cerimoniale della premiazione, che probabilmente adesso verr imputato sia a lui sia a Barrichello e al team, che aveva mandato sul palco un proprio rappresentante ufficiale) – si viene ora a trovare in una situazione estremamente difficile. La Federazione infatti stata messa con le spalle al muro dalla Ferrari, che – con il proprio comportamento in pista e sul podio – ha creato di fatto due pericolosi precedenti, a cui gli altri team potrebbero fare riferimento in futuro. E quindi obbligata a prendere un atteggiamento preciso per ognuno di questi due episodi. Inoltre lindignazione del pubblico di Zeltweg e di quello televisivo mondiale, che ha fatto e sta tuttora facendo sentire il proprio parere su Internet, rischia di incrinare ulteriormente la credibilit stessa della Formula 1, gi giudicata pi uno spettacolo da business che non un fatto sportivo. Se i Gran Premi che si disputeranno prima del 26 giugno (data della convocazione della Ferrari e dei suoi piloti di fronte al Consiglio mondiale di Parigi) dovessero fare registrare – a cominciare di quello di Monaco in programma domenica prossima sul circuito cittadino di Monte Carlo – pericolosi cali di audience televisiva e di vendita di biglietti o peggio ancora clamorosi episodi di contestazione, probabile che il potere sportivo possa dare una lezione esemplare al team di Maranello. La Fia dovr quindi scegliere, sulla base di dati di fatto precisi, se le converr avallare con decisioni di comodo il comportamento della Ferrari (ma facendo cos si alienerebbe del tutto i rapporti, peraltro gi tesi, con i team inglesi, che laccusano da tempo di appoggiare in tutti i modi la scuderia italiana) oppure prendere ufficialmente le distanze dagli uomini di Luca Montezemolo. Se le iniziative personali come quella di Wiolfgang Polt dovessero poi avere successo o addirittura moltiplicarsi, la Fia sar quasi obbligata a dimostrare al mondo sia di avere la forza di controllare la situazione venutasi a creare sia di essere ancora il detentore del potere ufficiale. Senza contare i rischi di risarcimenti miliardari se le denunce per truffa venissero provate. Il caso rischia di ingrossarsi sempre di pi. Se ne accorta anche la Rai, che domenica 19 mander in onda unedizione speciale di Porta a porta, dedicata ai fatti di Zeltweg e registrata in questi giorni a Fiorano, la pista privata della Ferrari. Gli ospiti di Bruno Vespa saranno Luca Montezemolo, Jean Todt e Michael Schumacher. Assente giustificato Barrichello, in vacanza per qualche giorno in Portogallo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore