Hamlet 3DX100, il futuro della stampa 3D è social e per tutti

Stampanti e perifericheWorkspace
Hamlet 3DX100
5 5 Non ci sono commenti

VIDEO e SLIDESHOW – All’opera il modello più semplice da usare di stampante 3D già disponibile nei negozi. Ideale per le scuole e per gli ambiti education, perfetto anche per i professionisti, lo propone Hamlet

Hamlet ha un ambizioso piano di espansione nel mercato italiano per il 2014, ne parliamo in video con Antonio Campagnoli, Sales & Marketing Manager, che ci spiega, e ci mostra all’opera, il modello mainstream di stampante 3D, Hamlet 3DX100, ideale per un utilizzo professionale, come e soprattutto in ambito educational. Si parla infatti di una soluzione di stampa 3D per l’utente finale, disponibile per l’acquisto anche da MediaWorld, a un prezzo intorno ai 1.400 euro. Hamlet ne ha già vendute più di 400, e il business è promettente. Se siete timorosi di approcciare questa tipologia di stampanti, togliamo subito ogni dubbbio.

Si può fare tutto da soli, dall’unboxing fino alla realizzazione finale del manufatto. L’investimento iniziale, anche per quanto riguarda materiali e manutenzione della stampante non è affatto proibitivo. Non solo, in rete Hamlet – ma anche il mondo dei social network – pullula di risorse per confrontarsi, come per attingere a nuove idee, o semplicemente migliorare quelle già realizzate dagli altri, così che anche se si è poco esperti, si potrà sempre partire realizzando un oggetto dopo averlo migliorato. Hamlet, per far funzionare la stampante 3D, fornisce i driver, poi la stampante si interfaccia con praticamente tutti i sistemi e i software di disegno.

Nel video potete vedere realizzati dai modellini di aerei e treni a giocattoli, a pezzi di ricambio, in plastica ABS, come anche in PLA, un materiale più ecologico di derivazione diretta dal mais. Le dimensioni massime di oggetti realizzabili sono 225x145x150 mm, ma se per esempio volete realizzare il modellino della vostra abitazione dei sogni potete semplicemente scomporlo o stampare in 3D i singoli componenti, che magari qualcun altro avrà già realizzato in Rete.

La tecnologia utilizzata da Hamlet 3DX100 è semplicissima, si tratta di un metodo di estrusione di un filamento (il materiale da sciogliere) che si deposita su una base, 0,2 millimetri di ‘risoluzione’ alla volta, con la possibilità ovviamente di realizzare oggetti vuoti internamente. La stampante lavora anche senza collegamento con il pc, basta avere caricato il proprio file su una schedine SD. Le parti da manutenere sono quelle legate all’estrusore e all’augello di stampa, da pulire all’occorrenza. Non sono costi proibitivi. In video tutte le spiegazioni e i dettagli.

Hamlet 3DX10 stampa 3D

Image 1 of 5

Hamlet 3DX10 la fase di preparazione del disegno

Specifiche tecniche Hamlet 3DX10

· Tecnologia di stampa con sistema di deposizione additiva di materiale termoplastico
· Materiale di stampa supportati ABS/PLA
· File supportati GCODE-STL
· Livello di precisione ±0.2 mm/100 mm
· Risoluzione di stampa 0.15~0.4 mm
· Diametro dell’ugello di stampa 0.4 mm
· Velocità di stampa 10~120 mm/s, ±24 cc/h
· Dimensioni massime di stampa 225 x 145 x 150 mm
· Temperatura di lavoro estrusore 180-260 °C, Piano: 60-110 °C
· Stampa da pc tramite porta USB
· Schermo LCD e tastiera total control
· Stampa stand alone tramite SD CARD
· Dimensioni stampante 510 × 460 × 410 mm
· Alimentazione 220V 250W

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore