HannsG HW191D

Stampanti e perifericheWorkspace

Un monitor con diagonale da 19? a un prezzo interessante, ideale compagno per
sistemi da casa entry-level

Il costante miglioramento della tecnologia dei pannelli Tft permette ormai anche ai monitor di fascia economica di raggiungere elevate diagonali e una buona qualità di visualizzazione. È questo il caso del monitor HW191D, dotato di un pannello Lcd a matrice attiva con una diagonale di 19? in formato wide 16:10. La risoluzione nativa del pannello è di 1.440×900 pixel, mentre il rapporto di contrasto arriva a 700:1. Malgrado quest’ultimo valore non sia elevatissimo, il monitor è in grado di riprodurre in modo piacevole e continuo tutte le sfumature dei colori, dai toni più scuri a quelli chiari. Non essendo dotato di particolari trattamenti per migliorare la brillantezza delle immagini, i colori risultano un po’ smorti, soprattutto il rosso. Bisogna inoltre scegliere con cura il proprio posizionamento rispetto allo schermo in quanto gli angoli di visione sono abbastanza ridotti: 150° in orizzontale e 135° in verticale. Già spostandosi leggermente fuori dall’asse ideale di visione, la qualità dell’immagine degrada in modo evidente. Ciò ne sconsiglia l’utilizzo in sistemi media center destinati all’intrattenimento di più persone in ambienti che richiedono un ampio angolo visivo.La definizione dei particolari è invece più che soddisfacente, favorita anche da un dot pitch di 0,283 mm. Ciò contribuisce a una buona leggibilità del testo anche su sfondi colorati, dove solo in rare combinazioni di colori si nota un certo sfocamento dei caratteri. Nella riproduzione di schermate con toni scuri si può apprezzare la totale mancanza di aloni che porterebbero al degrado l’immagine, riducendone l’uniformità complessiva. Dobbiamo però segnalare che per raggiungere questo obiettivo è necessario tarare con cura luminosità e contrasto, per evitare uno sfondo fortemente illuminato e un livello di nero troppo elevato. Il HW191D è dotato di un ingresso Vga e di uno Dvi-D, oltre che di un minijack per il collegamento delle casse audio. Queste ultime sono p osizionate nella parte posteriore dello schermo e forniscono una potenza e una qualità sicuramente non adatte all’ascolto di musica o dei brani di un film. Infatti aumentando il volume, già da circa metà scala si manifestano vibrazioni che penalizzano la qualità sonora. A fronte di una discreta qualità di visualizzazione va però contrapposta un ergonomia abbastanza carente. La base infatti, oltre a permettere la sola inclinazione dello schermo avanti e indietro, risulta decisamente poco stabile. La struttura non smorza eventuali oscillazioni dello schermo e questo porta a situazioni in cui la visione potrebbe essere penalizzata. La struttura non risente invece della pressione sui tasti menu, in quanto questi ultimi sono stati posizionati sul lato destro del monitor. Questa scelta si rivela però poco pratica in quanto si è costretti a sporgersi per rintracciare e visualizzare le serigrafie, che sono state applicate sui stessi pulsanti. In aggiunta a ciò, durante l’utilizzo del menu Osd il posizionamento del tasto di autotaratura, nel mezzo tra i pulsante di conferma e i tasti freccia, può dar luogo a pressioni accidentali dello stesso, con la conseguente uscita dal menu. Assolutamente interessanti sono le condizioni di garanzia offerte per questo monitor. HannsG fornisce infatti la sostituzione a domicilio con un prodotto alternativo per un periodo di ben tre anni, comprensiva delle spese di trasporto. È possibile inviare la segnalazione di guasto direttamente via Internet su un sito di supporto dedicato. In conclusione il HW191D offre una buona qualità di visualizzazione in relazione al prezzo proposto, ma con qualche carenza relativa all’ergonomia d’uso. Sicuramente una buona soluzione per utenti attenti al portafoglio, ma senza necessità di visualizzare frequentemente filmati o di effettuare lavori di grafica e ritocco fotografico.

Votazione: 82

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore