Hds, con il Model 100 lo storage è semplice e modulare

CloudServer

Per il nuovo storage di Hds la parola chiave è consumerizzazione: facilità di
configurazione e gestione

Dopo aver rinnovato la sua offerta sulla fascia high end, Hitachi Data Systems mette mano alla linea midrange con il Simple Modular Storage (Sms) Model 100. Hds ha tratto profitto dalla sua esperienza maturata come conglomerato dell’elettronica che opera anche nel settore consumer e dalla tecnologia messa a punto per il suo storage enterprise per realizzare un sistema con cui andare a caccia di quote di mercato nel settore delle aziende medio piccole. In Italia il sistema si avvarrà anche della commercializzazione nell’ambito di un accordo generale da tempo in vigore con Acer. Come ha spiegato Roberta Pezzo di Hds introducendo in Italia la soluzione di storage, ? Si tratta di un sistema nuovo che unisce un’anima consumer e un’anima enterprise. La tecnologia è quella dello storage high end, ma la semplicità d’uso è quella di un prodotto consumer. Il formato è piccolo, rack 2U, ed è installabile in azienda in meno di un’ora. Non serve personale specializzato per la sua installazione. Si tratta di quello che possiamo definire un serviceless storage che può trovare applicazione anche nella grande azienda per l’automazione di uffici remoti. Si collega a una normale presa di corrente e parte una schermata di setup grafica per l’installazione?. Sms Model 100 è un array iScsi che oltre al software di autoconfigurazione e al wizard di setup prevede il supporto di dischi in configurazione Raid 6, che al Raid 5 aggiunge il doppio controllo di parità. Un doppio controller dei dischi inibisce la presenza di punti unici di rottura nel sistema di storage. La capacità di archiviazione del Model 100 può scalare fino a una configurazione di 12 unità a disco in modalità Sata per un totale di 6,75 Tb e in modalità Sas fino a 2,7 Tb.

Il sistema è ottimizzato per ambienti Windows e supporta il programma Simple San di Microsoft. Il software di snapshot Copy on Write fornito da Hitachi facilita le operazioni di backup e recovery del sistema arrivando fino a 15 copie di ogni volume. Nella dotazione è previsto anche un software di automigrazione realizzato appositamente da Hds per il collegamento di due sistemi con un cavo speciale. Nell’hardware del disk array sono presenti due slot di riparazione plug and play che nel caso di rottura di un disco consentono di inviare al client un nuovo hard drive dietro semplice notifica della console di gestione del Simple Modular Storage. Gli esperti nel commentare l’annuncio sottolinea l’affollamento di offerta nella fascia di mercato Pmi dove sono presenti sistemi di Emc e Hp.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore