Hp divorzia da Itanium

ComponentiWorkspace

Nei sistemi workstation Itanium non vende. Nella linea server di Hp invece il mercato va bene

La gamma di workstation basate su processori Intel Itanium di Hp verrà dismesse: dopo la sospensione, arriva dunque la fine della distribuzione da ottobre. Il mercato ha deciso per Hp: gli utenti hanno preferito processori a 32 bit capaci di operare con architettura a 64 bit. E quindi Hewlett Packard non commercializzerà più workstation (zx6000 e zx2000) con microprocessore Itanium. Il chip, pensato da Hp e Intel come erede di del chip Intel X86, non ha avuto il successo sperato, ma limitatamente al segmento delle workstation. Dovrebbe invece continuare il supporto per i prossimi 5 anni per chi già ha acquistato le serie di workstation attualmente sospese. Hp raccomanda le sue nuove workastation xw4200, xw6200 e xw8200 basate sull’architettura x64, sempre di Intel.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore