HP introdurrà un chip da 128 bit

Workspace

Hewlett-Packard vuole fronteggiare in modo più forte Sun e Ibm nel campo dei server Unix, con un sistema che raddoppia la capacità dei suoi processori attuali

Nel 2003 HP aggiornerà il suo processore Superdome a 64 bit portandolo a 128 bit, implementando i chip PA-RISC 8800. Questa la dichiarazione di Mark Hudson, dirigente di HP. I processori della serie 8800 combinano due CPU su una singola piastra di silicio, una tecnologia già usata da IBM sui processori Power 4. Come tutte le società tecnologiche, HP sta attraversando qualche problema, e ancora deve lavorare parecchio per completare lintegrazione con Compaq dopo la sua acquisizione. Malgrado ciò, e proprio in virtù degli importanti miglioramenti che lacquisizione di Compaq può portare allazienda, sta tentando di dimostrare al mondo che il mercato dei server non si divide solo tra Sun e IBM. In un certo senso, il crollo delle dot com potrebbe rivelarsi addirittura una benedizione per HP nel mercato dei server, perché ha trasformato la competizione da una gara di velocità (riuscire a vendere più server nel minore tempo possibile ai moltissimi clienti), in una maratona i cui risultati si vedranno tra qualche anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore