Hp Pavilion dv9049EA

LaptopMobility

Un notebook con i muscoli, ma che non trascura la raffinatezza e il design

L’ elegante chassis di questo notebook racchiude un sistema potente, adatto al desktop replacement e in grado di soddisfare l’utente negli ambiti lavorativo, videoludico e di home entertainment. Nella serie Pavilion dv9000, Hp punta molto sull’aspetto estetico, la parte superiore dei suoi notebook è realizzata con una finitura nero lucido molto attraente, ottenuta tramite la tecnologia chiamata Hp Imprint importata direttamente dall’industria automobilistica. Una volta sollevato lo schermo, si nota anche all’interno l’eleganza del notebook, ottenuta attraverso l’integrazione di pulsanti a sfioramento con retroilluminazione blu. Molto particolare è soprattutto il controllo volume, anch’esso di tipo a sfioramento in luogo del comune potenziometro a rotella. Il peso e le dimensioni del Pavilion dv9049EA mostrano i limiti di portabilità a cui è soggetto questo notebook. In particolar modo le dimensioni sono influenzate dai 17? di diagonale dello schermo Lcd, che costringono a una larghezza di ben 396 mm per una profondità di 285 mm. Lo schermo è in formato Wide e ha una risoluzione di 1.440×900 pixel, con una finitura lucida BrightView che, se da un lato contribuisce a rendere più vivaci i colori, dall’altro penalizza la visione in presenza di forti luci ambientali che possono creare riflessi. La qualità di visualizzazione è risultata comunque buona, con un elevato contrasto e reattività anche su immagini in movimento. Non ci hanno invece entusiasmato la non perfetta uniformità di illuminazione dello schermo e un angolo di visione ottimale limitato, difetti comunque facilmente riscontrabili su schermi con dimensioni così elevate. Il peso è l’altro importante fattore che limita la trasportabilità del notebook, con un valore di 3,66 Kg che sale fino a 4,56 Kg considerando l’alimentatore di rete in dotazione. Ad aumentare il peso generale, contribuisce sicuramente l’adozione di ben due hard disk, entrambi con capacità di 80 Gbyte e interfaccia Serial Ata. Nel modello in prova sono installati un Seagate ST98823AS e un Hitachi MK8040GSX. I due dischi sono comunque configurati come unità separate e non esiste da Bios la possibilità di attivare una modalità raid. Un disco è destinato ad accogliere il sistema operativo e i programmi (più una partizione nascosta di circa 10 Gbyte che permette di ripristinare il sistema come appena uscito dalla fabbrica), mentre il secondo può essere sfruttato come unità sulla quale immagazzinare i propri documenti. Nei test il notebook si è ben comportato, fornendo un buon compromesso tra prestazioni e autonomia. Il processore Amd Turion64 X2 TL-50 ha una frequenza di funzionamento di 1,6 GHz ed è affiancato da 2 Gbyte di Ram di tipo Ddr2 con frequenza a 667 MHz. Questa combinazione ha permesso di raggiungere un indice di prestazioni soddisfacente, garantendo comunque un autonomia di circa due ore e mezza. La parte grafica è invece gestita dalla potente Gpu nVidia GeForce Go 7600 con 256 Mbyte di memoria dedicata e raggiunge prestazioni paragonabili a quelle della maggior parte dei sistemi desktop. Il Pavilion dv9049EA è, inoltre, fornito di un corredo software molto generoso, tra i quali Norton Internet Security 2006 con live update per 60 giorni e Hp Photosmart Premier, per la catalogazione e il ritocco delle fotografie digitali. Infine il software Quickplay offre un sistema Media Center per la riproduzione di filmati e musica, anche online ed è comandabile attraverso un piccolo telecomando a infrarossi che può essere riposto nello slot Express Card. In definitiva, questo è sì un notebook adatto al salotto di casa, ma per utenti molto esigenti in fatto di prestazioni e design.

Votazione: 82

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore