Hp ripensa i centri dati

CloudServer

La società, nell’ottica dell’attuale piano, riorganizza le strutture negli
Stati Uniti

Il piano di riduzione generale messo in atto dalla società interesserà 85 attività e dovrebbe permettere risparmi per 1 miliardo di dollari. Gli 85 centri nel mondo saranno concentrati in sei strutture negli Stati Uniti. La decisione rientra nel taglio dei costi che prevede risparmi per circa un miliardo di dollari nei prossimi anni. I centri saranno ad Atlanta, Houston e Austin. Non è precisato se sarà ridotta la forza lavoro in aggiunta al taglio di 15.300 posti annunciato a luglio. In ogni caso la strategia della società sembra dare buoni frutti, se è vero che la trimestrale recentemente comunicata registra risultati in crescita per gli utili e il fatturato, cui si accompagna un outlook altrettanto incoraggiante per i mesi a venire. Hp ha chiuso il 30 aprile scorso il secondo trimestre fiscale dell’esercizio in corso, con utili in crescita del 51%, saliti a quota 1,46 miliardi di dollari, rispetto ai 966 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Escludendo alcune voci straordinarie, l’utile netto sale a 1,6 miliardi, corrispondente a un risultato per azione di 0,54 dollari, di gran lunga superiore alle previsioni del mercato che si attendeva invece un eps di 49 centesimi. Positiva anche la performance del fatturato che segna un progresso del 5%, salendo a 22,6 miliardi di dollari, contro i 21,6 dell’analogo periodo del precedente esercizio, rispettando pienamente le attese degli analisti che avevano scommesso proprio su questa cifra.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore