Hydraq, il Trojan horse al cuore dei cyber attacchi contro Google

CyberwarSicurezza

Joe Stewart, esperto di malware presso il vendor di sicurezza SecureWorks, afferma di avere le prove che ci sia la Cina dietro agli attacchi a Google e ad altre 33 aziende Usa. Dentro Hydraq le “impronte digitali” degli autori delle intrusioni

Un esperto di sicurezza di SecureWorks spiega che Hydraq rappresenta il Trojan horse, in grado di aprire una back door in un computer connesso a Internet. Al cuore dei cyber attacchi contro Google è un malware.

Effettuando reverse engineering, Joe Stewart, esperto di malware presso il vendor di sicurezza SecureWorks, ha scoperto che il codice del software presenta un insolito algoritmo, definito una formula (scambiato per error-checking transmitted data). Sarebbero le impronte digitali, la pistola fumante forse, che dietro all’attacco contro Google e ad altre 33 aziende della Silicon Valley, c’è una mano cinese. Lo riporta Cnet .

Leggi anche l’ANALISI: Google e Cina, braccio di ferro sulla censura online

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore