Hyperion vestita di nuovo

Aziende

La nuova Hyperion, frutto dell’unione con Brio Software acquisita lo scorso anno, è una realtà di 612 milioni di dollari con sede a Sunnyvale in California. Brio ha portato in dote a Hyperion una solida piattaforma di Business Intelligence, utilizzabile come punto di partenza di una soluzione di Business Performance Management, area in cui Hyperion

La nuova Hyperion, frutto dell’unione con Brio Software acquisita lo scorso anno, è una realtà di 612 milioni di dollari con sede a Sunnyvale in California. Brio ha portato in dote a Hyperion una solida piattaforma di Business Intelligence, utilizzabile come punto di partenza di una soluzione di Business Performance Management, area in cui Hyperion ha concentrato le proprie energie. Con l’intento di non dismettere le linee di prodotti delle due società e costruire partendo dall’esistente, di recente Hyperion ha presentato l’Integration Roadmap, la strada da seguire nei prossimi 18 mesi, suddivisa in tre fasi: – fase 1, estate 2004: singolo sign on per le due offerte; – fase 2, fine 2004: passaggio trasparente per l’utente tra tutti i tool di front-end, con possibilità di integrarli a livello di metadati; – fase 3, estate 2005: integrazione completa delle due piattaforme (uniformità degli standard di sviluppo e tecnologici). Obiettivo: creare una piattaforma completa a supporto del Business Performance Management. In realtà, già lo scorso febbraio la nuova compagine è partita con la fase zero del percorso, che ha visto il lancio della nuova piattaforma di Business Intelligence, denominata Hyperion Business Intelligence (Bi) Platform. Il momento in questione è coinciso con la cancellazione definitiva del logo Brio, la presentazione di un look Hyperion Performance Suite 8.2, brand che racchiude l’offerta di Brio. Una piattaforma di Bi così concepita copre tutte le fasi di questa disciplina, combinando la parte di Query di nuovo nella piattaforma? Essbase, con un modello di business secondo logiche multidimensionali (Molap), che consente non solo di rappresentare i dati ma anche di memorizzarli, presenta le seguenti novità: capacità di analisi preddittiva più raffinate, in particolare, funzionalità di forecasting, di data mining combinato con la tecnologia multidimensionale; funzionalità di triggering e alert per monitorare in modo attivo le performance; una scalabilità aumentata; il supporto alla piattaforma Linux (tutte le componenti della piattaforma possono essere installate in questo ambiente operativo); l’ambiente di sviluppo basato su standard aperti, che supporta il linguaggio di query Mdx, l’estensione Xml agli ambienti multidimensionali Xmla e Unicode. La componente di derivazione Brio, Hyperion Performance Suite 8.2 , si configura come un ambiente integrato per query di reporting su tutte le scrivanie; reporting concepito e rappresentato in tutte le sue accezioni e sfumature. “Si tratta di un obiettivo a lungo-medio termine, ha affermato Andrea Cravero, Solutions Consultant Director della filiale italiana, da cui oggi siamo ancora molto lontani; solo l’Enterprise reporting è ha un buon livello di diffusione”. Anche Hyperion Performance Suite risulta composto da due tasselli fondamentali: Intelligence ed Sqr. Il primo è un tool di sviluppo rapido di applicazioni di query e reporting, che offre un ambiente graficamente accattivante, basato su un ampio spettro di sorgenti alimentanti, per creare veri e propri dashboard personalizzati per utenti. Sqr invece, è un sistema di enterprise reporting per generare, gestire, e distribuire in modo sicuro applicazioni di reporting a un numero esteso di utenti via Web o in formato stampa, basato sul linguaggio Sqr (Structured Query Reporting). A coloro che indicano Sqr, come un linguaggio un po’ obsoleto, Cravero ha così risposto” Si tratta invece di un linguaggio indicato per fare reporting su sistemi legacy, e ha una logica di formulazione di report forse poco moderna, non su wizard e drag & drop, ma efficace”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore