I cantanti Big contro la Siae

Aziende

Adriano Celentano, Eros Ramazzotti e Franco Battiato sono fra i cantanti che hanno firmato la lettera aperta contro la Siae. Si è inceppato il meccanismo Siae?

Da anni scriviamo che la Siae non è al passo con i tempi. Lo dimostrano innanzitutto le cifre , ma anche proteste delle associazioni consumatori e tentativi di svecchiamento del Diritto d’autore proposti anche da parlamentari della maggioranza .

Adesso arriva la lettera aperta contro la Sia e, firmata da cantanti quali Adriano Celentano, Eros Ramazzotti e Franco Battiato, ma anche da Emi, SugarMusic, Cam, Clan edizioni musicali. Il meccanismo Siae sembra essersi inceppata, in una macchina troppo farraginosa (90mila aderenti,

1400 dipendenti e 671 milioni di euro di diritti incassati nel 2008, in crescita del 5,7% sul 2007).

Nonostante la pirateria e la crisi economica, i numeri non sono male: del fatturato, oltre 61 milioni provengono dall’equo compenso p er copia privata ed oltre 62 milioni dal comparto multimediale.

L’area musicale che ha generato incassi per oltre 470 milioni di euro con un incremento di 21 milioni di euro rispetto all’anno precedente.

Ma la macchina SIAE nel 2008 è costata al sistema cultura oltre 187 milioni di euro, un po’ sopra al 2007.

Cosa lamentano autori ed editori? I firmatari della Lettera aperta denunciano che il 50% del vertice Siae sia composto di membri non appartanenti alla base; inoltre c’è il sospetto che gli utili coprano perdite di gestione, invece di arrivare agli autori che hanno creato quella ricchezza. Non è una lettera contro il Presidente, appena riconfermato, Giorgio Assumma: ma un Cahier de doléances per dare la sveglia alla Siae. La Siae dovrebbe tagliare la zavorra burocratica e aprirsi a maggiore pragmatismo e a un efficace rinnovo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore