I Cd al 51% dei prodotti-pirata

AccessoriWorkspace

Nel 2001 venduti 950 milioni di dischi contraffatti

Il problema della pirateria informatica quanto mai lontano dallessere risolto e si potrebbe anzi dire che la costante apertura di nuove frontiere tecnologiche (le Wi-Fi e il war driving di cui abbiamo parlato in una notizia precedente) non fanno nientaltro che aumentare le possibilit di intervento fraudolento da parte dei professionisti di questo settore. Secondo lIfpi (lassociazione che rappresenta la maggior parte dei costruttori discografici mondiali), il 40% dei Cd e delle cassette venduti oggi sui mercati mondiali sia di origine pirata. Per la prima volta nella storia di questo tipo di frode, i Cd hanno raggiunto il 51%, superando ampiamente la riproduzione delle cassette. Il sorpasso stato facilitato dai masterizzatori, che – solamente in Italia – hanno fatto raggiungere il non positivo record di un Cd pirata su quattro. A livello worldwide, nel 2001 sono stati venduti 950 milioni di dischi pirata.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore