I chip di Samsung e altri nove vendor nel mirino dell’Antitrust Ue

Autorità e normativeNormativa
QUIZ: Sai scegliere il chip giusto?

Dieci produttori di processori (tra cui Samsung Electronics, Infineon, Hynix Semiconductor) saranno presto accusati di aver fatto cartello sui prezzi nel mercato delle memorie Dram

L’Antitrust Ue, dopo aver multato Microsoft e Intel, guarda al mercato chip: sono in tutto dieci (Samsung Electronics, Infineon, Hynix Semiconductor, Micron Technology, Elpida Memory, NEC Electronics, Hitachi, Toshiba, Mitsubishi Electric e Nanya Technology) i produttori di chip finiti nel mirino dell’autorità europea.

I dieci Big del mercato chip saranno presto accusati di aver fatto cartello sui prezzi.

“Una dichiarazione con le obiezioni è attesa entro venerdì”, riferisce Reuters.

Pare che le pratiche anti-concorrenziali sospette si siano verificate nel mercato europeo delle memorie Dram (Dynamic random access memory).

In base a una nuova procedura Antitrust, le società potrebbero ammettere di avere organizzato un cartello in cambio di uno sconto del 10% nelle sanzioni. Il dossier è sul tavolo del prossimo commissario alla Concorrenza entrante, Joaquin Almunia, che sostituirà Neelie Kroes alla fine febbraio.

Leggi anchel’ANALISI: Concorrenza spietata

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore