I cinque motivi dell’acquisizione di LinkedIn da parte di Microsoft

CloudCloud Management
Open candidates debutta su LinkedIn
2 33 Non ci sono commenti

Cloud e network sono le parole chiave per capire perché Microsoft ha speso oltre 26 miliardi per acquistare LinkedIn. Ecco i 5 motivi alla base del takeover, il terzo del settore per entità

Microsoft ha acquisito LinkedIn pagando 26,2 miliardi di dollari. Ma perché l’azienda di Redmond ha comprato il social network per professionisti? Ecco i cinque motivi dell’acquisizione di LinkedIn da parte dell’azienda guidata dal Ceo Satya Nadella.

I cinque motivi dell'acquisizione di LinkedIn da parte di Microsoft
I cinque motivi dell’acquisizione di LinkedIn da parte di Microsoft

Innanzitutto: l’acquisizione rientra nella strategia cloud del Ceo Satya Nadella, per guidare l’integrazione tra LinkedIn e Office 365. La piattaforma Microsoft-LinkedIn prevede Office 365 e il cloud come strumento per l’identità professionale in un ambiente più smart e più connesso.

La terza acquisizione più costosa di sempre nel settore ha anche altre due motivazioni: il suggerimento degli articoli in base ai progetti sui quali si sta lavorando; la condivisione dei software sulla nuvola con altri professionisti per completarli.

Infine, ecco altre ragioni: accelerare la monetizzazione dei nuovi servizi connessi da LinkedIn ai prodotti dell’azienda di Redmond; fidelizzare il mercato business, aggiungendo al social network una serie di asset fondamentali in ambito professionale.

Il cloud è in crescita, mentre il mercato Pc legato a Windows è in contrazione. Puntare sul cloud computing e sui network è un modo per rispondere al declino del mercato Pc.

Secondo Idc, il public cloud varrà 72.9 miliardi di dollari entro il 2015, in prepotente crescita rispetto i 21.5 miliardi di dollari di un anno fa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore