I circoli sostituiranno i media tradizionali

Workspace

Nokia prevede che il consumo circolare con lo scambio di auto produzioni tra i consumatori avverrà entro il 2012

Nokia suona la campana per i media tradizionali, o almeno ci prova: Nokia prevede che il consumo circolare con lo scambio di auto produzioni tra i consumatori avverrà entro cinque anni.

Il Circular Entertainment riguarderà il 25% dei contenuti entro il 2012.

L’intrattenimento circolare consiste nel seguente ciclo: il video di una serata girato col proprio cellulare, verrà condiviso con un amico che aggiungerà un file mp3 al video, quindi verrà integrato con alcune fotografie digitali da un altro amico del giro, per passare ad altri amici. In una cerchia che si intratterrà con dinamiche di intrattenimento digitali di gruppo.

Secondo la filosofia Web 2.0, della fruizione attiva, dell’interazione collettiva, della condivisione e della collaborazione.

Già oggi tra i 9.000 utenti intervistati dal Future Laboratory, ecco cosa succede:

il 23% compra film in formato digitale; il 35 % acquista musica in formato Mp3; il 25% acquista musica su dispositivi mobili; il 39% guarda IpTv; il 23% guarda la TV mobile; il 46% usa normalmente l’Instant Messaging, il 37% su un dispositivo mobile; il 29% visita i blog; il 28% frequenta i siti di social networking; il 22% telefona con VoIP come Skype; il 17% gioca in multiplayer in Rete;

il 17% uploada su internet dal proprio cellulare.

Nokia scommette sull’evoluzione dell ‘intrattenimento circolare e sulla collaborazione sociale multimediale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore