I cittadini Usa vogliono più regole su Internet

Network

Il 64% dei cittadini Usa vuole regole più severe per la difesa di chi naviga in Rete

Secondo uno studio pubblicato da Markle Foundation, quello che chiedono i cittadini statunitensi alle autorità del loro Paese, è di rafforzare il controllo sulle attività online con listituzione di leggi sempre più severe sui contenuti diffusi in Rete. Zoe Baird, presidente della Fondazione, osserva Le rilevazioni sono state fortemente segnate dal dibattito politico in atto. Spero che i nostri studi dimostrino che le persone hanno degli interessi nel risolvere questi problemi. Il 64% degli intervistati, si è detto favorevole allintroduzione di leggi più severe a protezione di chi naviga online. Appena il 32% si è detto contrario a qualsiasi intervento regolatore delle amministrazioni pubbliche. Lawrence Lessig, professore di diritto alla Stanford University, osserva però che il Congresso non si è dimostrato abbastanza rapido a cogliere le richieste dei singoli cittadini Si è risposto velocemente ai problemi posti dalle grandi associazioni che operano a difesa del copyright, ma non si è fatta altrettanta attenzione ad argomenti più consumer-oriented come la privacy online, denuncia il professore, che poi conclude Le priorità di Hilary Rosen (a capo della Recording Industry Association of America) e di Jack Valenti (a capo della Motion Picture Association of America) non sono le stesse del cittadino statunitense. Dalla ricerca presentata da Markle, emerge però anche un desiderio diffuso che la regolamentazione online non sia affidata a un unico ente, ma a una pluralità di soggetti come governi, industrie e associazioni no-profit.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore