I conti di Yahoo! non quadrano

AziendeMarketingMercati e Finanza
Marissa Mayer non è soddisfatta dei risultati di Yahoo!
0 0 2 commenti

Profitti in flessione del 19%. L’unica buona notizia è che Yahoo! dovrà vendere 140 milioni di titoli Alibaba e non più 208 milioni

Iniziano ad andare strette le richieste di portare pazienza con la svolta (auspicata, ma sempre rimandata) di Yahoo!. Il CEO Marissa Mayer entra nel terzo anno dal suo arrivo a Yahoo!, ma di progressi tangibili non vi è ombra, nonostante il primo anno di luna di miele coi media. I conti di Yahoo! deludono. L’unica buona nuova è che Yahoo! potrà vendere meno titoli di Alibaba, nel corso del collocamento a Wall Street, in modo da poter approfittare dei previsti rialzi dopo l’IPO: Yahoo! dovrà vendere 140 milioni di titoli Alibaba e non più 208 milioni. Inoltre, Yahoo! ha deciso di restituire agli azionisti “almeno la metà” del ricavato dell’IPO di Alibaba, al netto delle tasse.

L’azienda californiana di Sunnyvale ha archiviato il trimestre, registrando profitti per 272,557 milioni di dollari, in flessione del 19% dai 335 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Da 30 centesimi a 6 centesimi per azione, ma il mercato si attendeva 38 centesimi. Il fatturato è in flessione del 4% a 1,08 miliardi di dollari. Esclusi i costi per acquisire traffico web, il declino è del 3% a 1,04 miliardi. Pesa il calo dell’advertising: -7% a 394 milioni di dollari, mentre il giro d’affari generato dalle ricerche internet è balzato del 6% rispetto a un anno fa.

Marissa Mayer non è soddisfatta dei risultati di Yahoo!
Marissa Mayer non è soddisfatta dei risultati di Yahoo!

Settimana scorsa Yahoo! ha acquisito RayV, startup dedicata allo streaming video, per spingere l’acceleratore sui video e nei media online. eMarketer ha contato sotto il segno di Mayer 30 acquisizioni, da Sparq a Stamped, da Jybe a Summly, da Tumblr (pagata 1,1 miliardi di dollari) a Qwiki e da Aviate a Xobni e Vizify, sono state positive. Ma a Yahoo! serve ancora tempo per tornare a crescere, dopo che il fatturato del digital ad di Yahoo negli Stati Uniti è crollato dal 6.8% del 2012 al 5.8% di market share nel 2013; i ricavi globali derivanti dal digital adversting sono scesi dal 3.37% al 2.87% nel 2013; la quota di fatturato di Yahoo nel search advertising è in flessione dal 6.6% al 6.1%. Al sito di Sunnyvale serve una marcia in più. E i video potrebbero essere la giusta ricetta per Yahoo!.

Ma Yahoo guarda soprattutto all‘IPO di Alibaba: dovrebbe portare a casa circa 10 miliardi di dollari: una manna per gli azionisti, che aspettano buyback o dividendi. Parte di questa cifra verrà spesa in altre acquisizioni.

Marissa Mayer, ex Google, ha dichiarato di “non essere soddisfatta dei risultati” che il portale deve “lavorare più velocemente per cambiare i trend negativi“. Anche perché, eMarketer prevede che Yahoo cali dal terzo al quarto posto nel mercato globale dell’advertising con il 2.52% di market share: alle spalle di Google, Facebook e Microsoft.

Conoscete la galassia di Yahoo? Misuratevi con un Quiz!

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore