I dieci punti di forza di Amazon Fire Phone

AccessoriMarketingMobile OsMobilityWorkspace
Amazon svilupperà il suo sistema per advertising
4 0 Non ci sono commenti

Ecco una panoramica sulle dieci caratteristiche di punta del primo smartphone targato Amazon. Le novità tecnologiche di Amazon Fire Phone a diretto confronto con le specifiche di iPhone 5S

Amazon ha da poco presentato l’atteso Fire Phone, il primo smartphone 3D ideale come porta d’accesso ai servizi e-commerce del colosso Amazon. Dotato di connettività 4G LTE, Amazon Fire Phone fra i fiori all’occhiello vanta Firefly e Dynamic Perspective 3D, ma ora vediamo nel dettaglio una panoramica sui dieci punti di forza del primo smartphone targato Amazon. E mettiamo le novità tecnologiche di Fire Phone a diretto confronto con iPhone 5S.

Amazon è scesa nell’arena smartphone, in un anno in cui Microsoft ha accelerato la sfida con Windows Phone, mettendo sotto pressione Blackberry, e mentre Apple ha in cantiere iPhone 6, con cui vuole lanciare il guanto ai big screen e ai phablet di Samsung.

Amazon vuole più sviluppatori

Briefcase full of apps

Le applicazioni sono l’anima e il cuore di ogni smartphone: l’ecosistema, ricco e sicuro, ha la potenzialità di rendere una piattaforma mobile di successo o decretarne il flop. Nel 2011 lo ha scoperto a sue spese Microsoft, quando l’assenza di apps affliggeva Windows Phone; e adesso Blackberry ha stretto un’alleanza con Amazon proprio per ovviare alle sue croniche lacune.

Nel lanciare Fire Phone, Amazon sa che la scommessa più grossa consiste nel conquistare più svilupparori. Portare i developer di terze parti sul suo appstore, servirà a convincerli a creare applicazioni per il display 3D – che si adatta alla posizione dell’utente – e per Firefly, un sistema che consente di riconoscere oggetti nel mondo reale, indirizzi web o account email, numeri di telefono, codici a barre o QR, film, brani musicali o prodotti. Con la “realtà aumentata” di Firefly l’utente può compiere semplici azioni in pochi secondi: dal controllo del prezzo online all’effettuare una telefonata, dal compiere un acquisto all’ascoltare una canzone eccetera.

Nel confronto con App Store di Apple e il suo milione di apps, l’ecosistema di Amazon si ferma a 240 mila apps, ma ha tripllicato le apps in download: ma sono apps ben fatte, sicure e tutte di grande rilevanza come come Groupon, Netflix, Pinterest, Minecraft e Candy Crush Saga. Il negozio di applicazioni di terze parte, disponibile in circa 200 Paesi, lanciato dall’azienda di e-commerce, ha triplicato le apps in download nel giro di 12 mesi, scavalcando quota 240mila fra applicazioni e giochi, per dispositivi Kindle Fire e Android. Gli utenti possono acquistare con gli Amazon Coins, la moneta virtuale che da maggio è sbarcata anche in Italia. Il colosso di Seattle ha raddoppiato anche gli sviluppatori: secondo IDC, il 65% dei developer ritiene che le entrate sui Kindle Fire sono uguali o addirittura superano quelle totalizzate su altre piattaforme. (Segue a pagina 2)

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore