I fiori all’occhiello di Windows 7

Sistemi OperativiWorkspace

Windows 7 uscirà in commercio il 22 ottobre: ecco le sette caratteristiche del sistema operativo di Microsoft, di cui gli utenti potrebbero non fare più a meno

Ancora Microsoft non ha lanciato Windows 7 (a scaffale dal 22 ottobre ) e già ci si chiede se farà dimenticare Vista e se venderà e quanto. Ma vorremo per una volta lasciare ai “posteri l’ardua sentenza” (fare i conti senza l’oste è fuorviante: aspettiamo i numeri) e guardare a cosa c’è di nuovo in Seven. InformationWeek ha stilato gli otto fiori all’occhiello di Windows 7. Quelle piccole cose di cui gli utenti potrebbero non fare più a meno.

1) L’uso remoto di Windows 7, grazie a due tecnologie chiave (che però richiedono Windows server 2008 R2): BranchCache e DirectAccess:

2) Seven ha migliorato la sicurezza Secure Development Lifecycle, Uac (con meno pop-up per non frustrare gli utenti), aggiornato BitLocker e introdotto AppLocker (per evitare download e installazione di software non autorizzato);

3) 350 nuove pzioni di controllo, per ottimizzare la gestione;

4) Windows 7 è netbook frindly;

5) Virtualizzazione desktop: il sistema gira sulle piattaforme di VMware, Citrix, e Microsoft;

6) Windows 7 supporta le offerte Saas: Internet Explorer 8 è altamente integrato con Seven.

7) Finalmente c’è una timeline chiara in casa Microsoft: Windows 7 esce il 22 ottobre, con supporto per 5 anni o altri due anni dopo l’uscita del successore; il supporto mainstream a Windows XP terminerà ad aprile; quello a Vista nell’aprile 2012.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore