I fondi europei al capezzale di Symbian

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza

L’Unione europea investe 22 milioni di euro per “salvare” il sistema operativo Symbian. La piattaforma open source, usata da Nokia, è in caduta libera nel mercato degli OS mobili

L’Europa trova 22 milioni di euro in fondi (la metà dalla Artemis Joint Undertaking) per rilanciare sul nuovo consorzio Symbian – the Embedded Operating System for Europe (noto come Symbeose), alla cui testa è Symbian Foundation.

Ventiquattro organizzazioni di ben otto paesi europei scommettono ancora su Suymbia, in crollo verticale nel mercato dei sistemi operativi mobili. Essi considerano la tecnologia un “architrave” per lo sviluppo in Europa di software in ambito mobile.

Dei guai di Symbian, diventato di recente 100% open source, abbiamo parlato approfonditamente. Perfino Nokia potrebbe dare il ben servito a Symbian, per passare a MeeGo oppure prendere in considerazione il rivale sistema operativo di Microsoft, Windows Phone 7 (Android sarebbe stato per ora escluso).

Secondo Canalys Symbian detiene ancora lo scettro con il 37% di quote di mercato mentre Android ha il 17%. Seguono apple iOS e Blackberry OS. Anche Sony Ericsson ha dato l’addio a Symbian.

Nokia Symbian in difficoltà
Nokia Symbian in difficoltà
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore