I gioielli digitali di Panasonic

Stampanti e perifericheWorkspace

Presentata la nuova serie di fotocamere Lumix, per appassionati, esperti e utenti alle prime armi

Si chiama Lumix ed è la nuova serie di fotocamere targate Panasonic. I nuovi modelli sono caratterizzati da uno stabilizzatore ottico di immagini (OIS), obiettivi Laica e dal circuito Virus Engine II capace di estrarre il segnale di luminanza oltre che dai tre componenti cromatici primari (rosso, verde e blu) anche dai soli pixel verdi garantendo così una risoluzione maggiore. Le nuove macchine digitali hanno caratteristiche ideate “ad hoc” per diverse fasce di utenti. Rivolte al grande pubblico sono le DMC-LC80 LC70 e LC50, le uniche prive dello stabilizzatore ottico di immagine ma caratterizzate da zoom ottico 3x, display da 1,5 pollici e sensore che varia a seconda dei modelli dai 3,2 ai 5,36 megapixel. Il prezzo per il modello base si assesta intorno ai 300 euro. Si continua con la DMC-FX7 (499 euro), fotocamera piccola e compatta pensata per l’utente più esigente e caratterizzata da un sensore CCD da 5,36 megapixel, zoom ottico 3x, e da un ampio display da 2,5 pollici con 114.000 di risoluzione che compensa ampiamente la mancanza del mirino ottico. Di categoria superiore e adatta a chi fa un utilizzo “sportivo” delle fotocamere digitali è la DMC-FZ3 (449 euro): monta uno zoom ottico 12x, sensore CCD da 3,34 megapixel, display da 1,5 pollici e supporto per i modi manuali. Dedicata invece all’utente esperto è la DMC-LC1 (circa 1.250 euro). Tra le caratteristiche tecniche spicca l’obiettivo Leica DC Vario-Summicron, il sensore CCD da 5 megapixel, lo zoom ottico 3,2x, monitor da 2,5 pollici a 211.000 di risoluzione e i controlli completamente manuali. Per informazioni www.panasonic.it .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore