I giovani preferiscono l’hi-tech ai viaggi, ma non in Italia

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Nasce Call for Youth, il progetto di Google e Fondazione Giovani per riqualificare i Neet
0 1 2 commenti

I giovani universitari europei prediligono l’hi-tech ai viaggi e allo shopping. Gli italiani sono meno tecnoentusiasti rispetto alla media europea. I dati di un’indagine condotta da Microsoft

Da un’indagine condotta da Microsoft in sette Paesi europei, fra cui l’Italia, emerge che i giovani preferiscono l’hi-tech a viaggi e shopping. Il 40% dei studenti universitari predilige la tecnologia ad altre attività. I ragazzi rappresentano un’intera generazione che non potrebbe rinunciare a internet e ai dispositivi di nuova generazione.

Se avesse a disposizione un budget di 400 euro, quasi il 40% degli intervistati acquisterebbe prodotti IT: tablet o smartphone, preferendo la tecnologia anche ad un weekend fuori porta con gli amici (15%) e allo shopping (11%).

Ma il tecnoentusiasmo dei giovani europei sfiora la tecno-dipendenza. Sfiora un quarto il numero di coloro che preferirebbe vivere fino a 60 anni con la possibilità di navigare in internet piuttosto che fino a 80 da tecno-luddisti (23%). Uno su quattro ci tiene alla privacy fino a scelte estreme: sceglierebbe di correre nudo per strada piuttosto che rendere pubblica la propria cronologia di cyber navigazione. Il 37% vorrebbe ricevere app gratis per tutta la vita piuttosto che cibo. Più della metà però ammette di avere ancora da imparare per ottimizzare l’uso della tecnologia.

Gli italiani, pur essendo geek, risultano meno tecnoentusiasti rispetto alla media europea. Non sono tecnofobici o luddisti, ma sono più ancorati alla realtà che al virtuale: preferiscono i viaggi al dispositivo di ultima generazione (25% contro 18%) e soffrono della inferiore interazione vis-a-vis (59%) più dei giovani degli altri Paesi (45%).  Forse i nativi digitali italiani risentono del divario culturale italiano, in un Paese fanalino di coda nell’uso delle nuove tecnologie e nella penetrazione della banda larga. Oppure sono più “saggi” a preferire il reale al virtuale.

Indagine Microsoft: i giovani europei preferiscono l'hi-tech ai viaggi
Indagine Microsoft: i giovani europei preferiscono l’hi-tech ai viaggi
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore