I Google Glass nel dettaglio

Dispositivi mobiliMarketingMobilityWorkspace
Sergey Brin inforca i Google Glass

I brevetti approvatti o sottoposti a FCC mostrano quali sono le caratteristiche dei Google Glass, gli occhialini di Google per la realtà aumentata

Li abbiamo visti indossare da una disinvolta Diane Von Furstenberg sulle passerelle di New York, e la scorsa settimana inforcati dal co-fondatore di Google, Sergey Brin. I Google Glass, che vengono avvistati in giro per gli States e appaiono sulle foto, vogliono mantenere alto il Buzz e il Viral marketing sulla “tecnologia da indossare” di Google, dedicata alla realtà aumentata. Ma adesso sappiamo qualcosa di più.

Il sito Engadget ha messo le mani sui documenti presentati da Google alla Federal Communications Commission (Fcc) per l’approvazione dei suoi Google Glass. I file mostrano nel dettaglio le tecnologia dentro l’HUD (head up display), il che fra l’altro potrebbe significare che non siamo distanti dal rilascio delle unità per gli sviluppatori. Infatti siamo in mezzo ai due meeting organizzati da Google con i developer. Da ciò che emerge dal documento si evince che il modello (chiamato XEB) era stato testato dall’FCC già il 12 novembre scorso. La richiesta scopre inoltre le carte sulle caratteristiche degli occhialinoi di Google: avranno il wi-fi 802.11 b/g a 2.4GHz e il Bluetooth 4.0HS, ma per i test, e non supporteranno entrambi contemporaneamente. Viene inoltre citato un  elemento vibrante che offre suono tramite il contatto con la testa, sfruttando le ossa craniche per condurre il segnale acustico all’orecchio. La batteria è ubicata nell’asta destra degli occhiali e si ricarica attraverso il filo. I Google Glass hanno superato il test sul tasso d’assorbimento specifico del campo magnetico generato (SAR). Un passo avanti verso il rilascio ai developer.

Pensi di conoscere Google a fondo? Scoprilo con il nostro quiz 

Sergey Brin inforca i Google Glass
Sergey Brin inforca i Google Glass
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore