I lacci che legano le piccole imprese

Autorità e normativeNormativa

L’Ufficio studi di Confartigianato ha realizzato un ?Rapporto sulla libertà
d’impresa? dove si illustra il quadro dei vincoli e dei costi del sistema Paese
Italia per l’attività delle Pmi

I dati messi in campo dall’Ufficio studi della Confartigianato sono relativi all’anno 2005, ma dimostrano arretratezze e impedimenti a un maggior sviluppo delle Pmi italiane.

Per creare un’impresa, ad esempio, il costo è il più alto d’Europa mentre occupiamo il posto 67 a livello mondiale. Al momento il costo medio degli adempimenti ammonta a 1.134,65 euro per azienda, pari al 67,2% in più rispetto alla media Ue (456,21 euro). Ma anche in termini di gestione le cose non vanno meglio, secondo Confartigianato le ore impiegate da un’impresa per pagare imposte e contributi ammontano a 360 (contro una media Ue di 197). Sono poi 17 le procedure necessarie per ottenere una licenza di costruzione per un magazzino. Il costo per 100 kWh di energia elettrica consumata dalle Pmi italiane è di 11,24 euro (7,70 euro il costo medio europeo per la stessa quantità), pari ad una differenza del 46% rispetto alla media Ue. Un altro capitolo inquietante è rappresentato dalla concorrenza sleale del sommerso, sono all’incirca 7,8 i miliardi di euro sottratti ogni anno alle imprese a causa delle condizioni di scarsa concorrenza in cui operano i settori strategici (banche, assicurazioni, poste, energia, utilities, trasporti aerei, autostrade).

Per fortuna ci sono anche alcuni punti di forza delle piccole imprese italiane (dati 2005). La quota di occupazione a tempo indeterminato nelle imprese fino a 20 addetti è del 93,6%, contro l’87,6% del totale dell’economia nazionale. L’incidenza del lavoro a termine è del 7,7%, a fronte dell’11,2% del totale. Sono 2 su 3 i piccoli imprenditori che hanno introdotto innovazione nella propria azienda negli ultimi 2 anni e la percentuale delle domande di brevetto depositate dalle piccole imprese all’Epo (European Patent Office) tra il 1999 e il 2004 è stato del 55,7%. Infine va ricordato che il valore annuo delle esportazioni delle piccole imprese ammonta a 77,7 miliardi di euro, pari al 30% dell’export italiano.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore