I ladri di identità hanno i giorni contati

CyberwarSicurezza

Da uno studio emerge che vi è un 50% di probabilità di essere incriminati per
reati informatici

Un nuovo studio analizza il profilo del criminale informatico, che truffa gli utenti, per rubarne i dati personali. Il report, realizzato dal Center for Identity Management and Information Protection (presso lo Utica College di New York), ha per la prima volta potuto utilizzare i dati provenienti da fascicoli del Servizio segreto statunitense. Dallo studio emerge che vi e’ una grossa probabilita’ (51%) di essere catturati dalle autorita’ inquirenti e di essere reclusi in galera per un periodo di tre anni o poco meno. Il profilo del criminale, che in un caso su tre e’ donna, si allontana dallo stereotipo del cracker con gli occhiali, seduto in una stanza buia, di fronte a svariati computer. Il ladro di identita’ e’ una persona molto esperta di informatica, ma che non ha quasi mai subito una condanna. Inoltre, si e’ desunto che non amano solo Internet per perpetrare i crimini (10% dei casi), ma prediligono telefoni cellulari e computer altrui. [ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore