I limiti alle nozze fra Telecom Italia e 3 Italia

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Pressing sul governo per stabilire i limiti della Golden share in Telecom Italia @shutterstock

L’8 maggio Telecom Italia deciderà se avviare la trattativa con 3 Italia. Intanto verranno stabiliti i limiti della Golden Share di Telecom Italia, per difendere la rete in attesa dello scorporo

Il pressing di 3 Italia su Telecom Italia è bilanciato dal pressing di Bruxeless sul governo italiano per stabilire i decreti attuativi alla Golden share, per mettere mano ai “poteri speciali” che spettano al Tesoro per bloccare scalate ostili  ad aziende strategiche da parte di colossi non europei, solo in caso di minaccia agli interessi nazionali.

Riassumiamo le puntate precedenti:  finora è stato approvato il regolamento della Golden share, mancano però i Decreti attuativi. Il governo, al momento, non potrebbe fare molto in merito al matrimonio fra Telecom Italia e la controllata italiana di H3G. Ma Telecom Italia, com’è noto, ha ancora in pancia la rete, un’infrastruttura di interesse nazionale. Per fortuna, l’azione del magnate cinese Li Ka Shing ha messo in moto la roadmap per lo scorporo della rete.

Telecom Italia si allontana da Telco, che è controllata da Telefonica (con il 46,18% del capitale), Intesa Sanpaolo e Mediobanca (11,62% ciascuna) e Generali (30,58%). Il presidente esecutivo di Telecom Italia Franco Bernabè, distanziandosi da Telco, guarda a Cdp e 3 Italia. Hutchison Whampoa cerca un accordo con Telecom Italia, che scomette su un’integrazione con l’operatore mobile 3 Italia, in cambio di diventare il primo azionista del gruppo italiano. L’accordo con la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) prevede lo scorporo preliminare della rete di accesso, da conferire ad una newco della rete di telefonia fissa di cui Cdp diventerebbe azionista.

Lo scorporo fa sì che i poteri speciali passerebbero sulla società della rete, liberando Telecom Italia da vincoli e paletti. Ai decreti attuativi servono però i pareri delle commissioni parlamentari, che non sono ancora state istituite, in attesa del varo del governo di Enro Letta, governo delle larghe intese. Solo il nuovo governo potrà sbloccare la situazione, togliendo Telecom Italia dallo stallo, in attesa della decisione sull’accordo che verrà presa il prossimo 8 maggio.

Ed ora veniamo alla Golden share: il Cdm ha varato il decreto sul regolamento, ma l’8 maggio si terrà il consiglio della società: per decidere se dare il via alla trattativa, anche se la strada pare impervia. Li Ka Shing è interessato al 29.9% di Telecom Italia.

Pressing sul governo per stabilire i limiti della Golden share in Telecom Italia @shutterstock
Pressing sul governo per stabilire i limiti della Golden share in Telecom Italia
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore