I primi 25 anni del Web

NetworkProvider e servizi Internet
I primi 25 anni del Web
0 10 Non ci sono commenti

Il 6 agosto festeggiamo il primo quarto di secolo del World Wide Web (Www) a quota 3,5 miliardi di cyber navigatori e un miliardo di siti Internet

Nei giorn9i scorsi il World Wide Web (Www) ha compiuto 25 anni. Il 6 agosto 1991 un team di ricercatori, capeggiato dal fisico Tim Berners-Lee, lanciava il primo sito Web, dopo aver allestito l’infrastruttura digitale: info.cern.ch, realizzato dal Centro di ricerca, il famoso Cern di Ginevra.

Nel marzo del 1989 Tim Berners-Lee aveva rilasciato un documento con la sua idea della Rete. Il primo sito nasceva sul Next Cube, uno dei computer creati da Steve Jobs dopo l’uscita da Apple. Il fisico informatico lavorò anche allo sviluppo del primo browser, Mosaic. Il resto è storia.

Venticinque anni fa Tim Berners-Lee inventò il Web al Cern. Oggi i siti Web superano il primo miliardo
Venticinque anni fa Tim Berners-Lee inventò il Web al Cern. Oggi i siti Web superano il primo miliardo

Oggi festeggiamo il primo quarto di secolo del Web a quota 3,5 miliardi di cyber navigatori e un miliardo di siti Internet.

Tim Berners-Lee, inventore del Www, non solo pioniere dell’era digitale fin dai suoi primi esperimenti con gli hyperlinks al Cern di Ginevra, ma anche architetto dell’open web come piattaforma, definisce il concetto di creatività abbinata agli Open data come una nuova frontiera, quella dell’intercreatività. L’opportunità di condividere dati aperti e Internet delle cose miglioreranno e potenzieranno le nostre comunità, se i dati archiviati e collezionati da governi ed aziende potranno supportare comunità online, anche locali, in maniera creativa. Ma ciò avverrà se la Rete, oggi risorsa sociale su cui si fondano anche i social network, continuerà a fornire piattaforme di comunicazione che abbiano impatto concreto sulla democrazia partecipativa. Ed è questo il messaggio più politico di Berners-Lee: il Net non è più solo un luogo di condivisione (di file, pensieri, video, immagini, musica, messaggi eccetera), ma sarà sempre più luogo di decisioni. “Nasceranno nuovi sistemi di governo. In futuro le decisioni politiche si prenderanno tutte sul Web“.

I primi 25 anni del Web
I primi 25 anni del Web

L’inventore del Web ha di recente spiegato che è giunta l’ora di costruire comunità online, in un’era in cui l’e-government e i sevizi su Internet porteranno tutto online. Open data e e-gov rappresenteranno il futuro, purché sappiano coniugare creatività, open data e comunità online con la libertà della Rete. Infatti Internet deve rimanere aperta e libera ed è necessario vigilare per impedire ad aziende e governi di costituire una minaccia all’open web.

Dopo aver messo in guardia gli Stati contro la cyber-sorveglianza del caso Nsa, Tim Berners-Lee è speso tornato a parlare di Open data e privacy, due concetti che non sono in contrapposizione: i dati pubblici devono essere aperti, mentre i dati privati dovrebbero essere protetti dalla privacy.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore