I Radiohead vittime dei pirati

AccessoriWorkspace

Il 60% degli utenti non ha pagato il gruppo musicale che aveva lasciato l’offerta libera

I Radiohead avevano lasciato l’offerta libera a chi voleva scaricare il loro ultimo album online. Ma il 60% degli utenti non ha pagato. Il modello di vendita diretta, svincolato dalle case discografiche, è fallito? L’iniziativa di Radiohead per In Rainbows ha luci ed ombre.

Per i primi 1,2 milioni di download è risultato che il 61% non ha offerto nulla, mentre il 17% da 1 cent a 4 dollari, il 12% da 8 a 12 dollari, il 6% da 4.01 a 8 dollari e il 4% da 12,01 a 20 dollari. Ai Radiohead in generale l’esperimento non è risultato del tutto negativo, con una offerta media di 6 dollari.

Rimane il fatto che oltre due terzi degli utenti, anche potendo pagare un solo centesimo, ha preferito ancora una volta la musica gratis. La pirateria dunque non può più vantare come scusa i prezzi troppo alti dei Cd. Le Major utilizzeranno purtroppo questo dato per vedere nella Rete il solito “covo di pirati”? Vedremo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore