I system integrator alle prese con i nuovi player del mercato del cloud

CloudCloud Management
Cloud ibrido, Amazon AWS si allea con VMware

Una riflessione sul mercato del cloud e la vendita dello stesso attraverso colossi come Amazon. Cosa fanno i vendor, i distributori, i rivenditori, i system integrator di fronte a questi nuovi colossi?

Il cloud ibrido sarà la formula vincente, almeno a giudicare dal parere di alcuni esponenti del mondo It incrociati al recente Canalys Channel Forum. Già, il tema dominante cloud si o cloud no, ha lasciato il posto a diverse sfaccettature del problema. Sebbene le aziende non siano orientate a portare completamente l’infrastruttura in cloud, buona parte di questa sarà comunque gestita attraverso nuove realtà, astri nascenti, che stanno mettendo il mercato sia dei vendor sia del canale, in agitazione.

Già, perché se da un lato sembrerebbe che i distributori tradizionali e i rivenditori abbiano ‘paura’ di realtà come per esempio Amazon, a causa di una loro perdita di fatturato, dall’altro lato realtà come Amazon oggi si sta sempre più aprendo sui rivenditori e sul cloud e questo può preoccupare i distributori che potrebbero appunto vedersi i clienti scappare per andare ad acquistare non solo il cloud ma anche prodotti It direttamente su Amazon e quindi perdere fatturato.

Cloud ibrido, Amazon AWS si allea con VMware
E’ davvero il cloud a spaventare il mercato?

Di fatto, quindi, non è tanto il cloud che spaventa tutti, quanto piuttosto la rivendita diretta di Amazon. E ancora, potrebbe essere che i distributori temano che realtà come Amazon possano diventare loro dirette concorrenti. Il problema ancora più grande sarà quanto più Amazon cresce la sua fetta di mercato rischiando di escludere rivenditori e distributori dal mercato. Secondo Roberto Vicenzi, vice presidente di Centro Computer, questa potrebbe essere una spiegazione sul futuro nella distribuzione.

Paolo Delgrosso, HPE Channel Service Provider SMB Sales Director, spiega che il “rivenditore non sparirà per il cloud perché farà da consulente. Quando un’azienda avrà bisogno di consulenza dovrà rivolgersi a un rivenditore preparato e pronto anche sul supporto. Si pensi solo alla gestione finanziaria di un certo business. I nostri lab vanno sul territorio e portano avanti il concetto che grazie ai distributori possono fare demo prodotto e test su macchine”.

Massimiliano Ferrini, Head of Product Business di Fujitsu Italia, sentito anche su questo tema, non si dice preoccupato ,a ma vede tutto questo come una normale evoluzione di mercato. E per questo cita un suo recente passato in Citrix. “Se penso al cloud e a quando Citrix si comprò Cloud.com ci fu allarme. Oggi credo che l’evoluzione abbia fatto il suo corso e portato quelle potenzialità che prima non erano nemmeno contemplate. Mentre un tempo erano le società stesse a farsi in casa queste soluzioni, oggi ci sono società terze che pensano a tutto. Il cloud non farà tutto – spiega – molto dipenderà anche dai player: se continueranno a vendere licenze on premise andranno incontro a difficoltà di mercato, mentre se si adatteranno a ‘costruire’ soluzioni ibride potranno avere un grande valore. In Fujitsu – continua Ferrini – ho trovato il concetto di co-creation: la digitalizzazione è disraptive, non distruttiva ma porta a un cambiamento epocale. Fujitsu la sta portando avanti da quasi cinque anni. Attraverso la propria organizzazione, la possibilità di essere fornitore di tecnologia e al contempo partner che insieme creassero valore ai progetti per la digitalizzazione”. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore