I tablet low-cost made in Cina e India: a partire da 25 euro

Dispositivi mobiliMarketingMobilityStampanti e perifericheWorkspace

Alcuni segnali indicano che c’è “voglia di tablet low-cost”, a partire dall’indiana WiPro fino alla cinese Huawei. WiPro promette un tablet da 25 euro. Per Huawei Ideos S7 Pro il prezzo sale, ma sotto i 300 euro

Anche per il mercato tablet, dopo i primi modelli costosi, è già tempo di downpricing? Alcuni segnali indicano che c’è “voglia di tablet low-cost”, a partire dall’indiana WiPro fino alla cinese Huawei. Azim Premji, fondatore dell’azienda Wipro e tra gli uomini più ricchi dell’India, è convinto che sia giunta l’ora dei tablrt per tutti, da 1.500 rupie (circa 20 sterline, sotto ai 25 euro). Azim Premji promette di riuscire nell’impresa, dove già si è cimentato Olpc e il progetto XO. L’ambizione del colosso di Bangalore dovrà però scontrarsi con la realtà, perché non è facile tagliare i prezzi di ogni componente dei tablet senza avere un impatto negativo sulla qualità. Oggi scendere sotto i 60 euro, pare impossibile, ma WiPro si è alleata con  Imec, azienda belga che si occupa di nanotecnologie, per arrivare al tablet “per tutti”. Il precedente sogno di tablet da 35 dollari si è infranto: progetto fallito.

Per la cinese Huawei il MediaPad rientra nella categoria low-cost: ma il prezzo sarà poco sotto i 300 dollari, pare. Ideos S7 Pro, equipaggiato con chip dual core da 1,5GHz di frequenza, sistema operativo Android 2.2 Froyo, schermo touch da 7 pollici con risoluzione pari a 1280×800. Il MediaPad, con fotocamera da 3,2 Mpixel, processore Qualcom Snapdragon a 1 GHz, antenna Gps e memoria da 8 GB, sarà a scaffale al prezzo di 299 euro il 20 giugno: in Italia potrebbe arrivare con Wind. Si parla di un prezzo una tantum da 99 euro e 21 euro di canone al mese (per 2 anni).

Huawei Ideos S7, il tablet da 7 pollici low-cost
Huawei Ideos S7, il tablet da 7 pollici low-cost

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore