I titoli hi-tech da tenere d’occhio, nell’ottovolante delle Borse

AziendeMercati e Finanza
I titoli hi-tech da tenere d'occhio, nell'ottovolante delle Borse
1 1 Non ci sono commenti

Lo stato di salute dei titoli hi-tech, mentre le valutazioni subiscono ridimensionamenti, se non tagli drammatici

Sono giornate di pesanti ribassi in Borsa, il rosso domina sui listini di mezzo mondo. Qual è lo stato di salute dei titoli hi-tech, mentre le valutazioni subiscono ridimensionamenti, se non tagli drammatici? Se lo chiede Bloomberg. Ecco una piccola rassegna per fare il punto.

I titoli hi-tech da tenere d'occhio, nell'ottovolante delle Borse
I titoli hi-tech da tenere d’occhio, nell’ottovolante delle Borse

Foursquare Labs ha raccolto fondi per 250 milioni di dollari di valutazione contro i 600 milioni di dollari del precedente round nel 2013.

Il Russell 2000 Technology Growth Index è giù del 16% negli ultimi 12 mesi e del 30% rispetto al picco del giugno 2015.

S&P 500 Information Technology Index, dove sono presenti tutte le Big IT da Apple a Facebook, è giù del 15% rispetto ai recenti picchi.

Escluse le performance di Facebook, Bloomberg osserva che da Groupon a Etsy, da Twitter a GoPro, i principali titoli tecnologici sono giù del 40% rispetto al prezzo di offerta. Ma perfino Facebook, che si era impennato del 16% il giorno in cui aveva superato le previsioni, ha perso il 16% in sole sei sessioni: da dicembre ha perso il 30%. Amazon ha bruciato il 25% dal 28 gennaio.

Il cosidetto FANG group – Facebook, Amazon, Netflix e Google – ha perso quest’anno almeno il 19% in media, contro il rally dell’83% nel 2015.

SVB Financial Group, l’holding della Silicon Valley Bank, è giù del 43% rispetto ai recenti massimi e del 31% rispetto all’ultimo anno.

LinkedIn ha perso il 40%, dopo aver annunciato ricavi a 2,9 miliardi e dopo aver chiuso l’ultimo trimestre dell’anno in rosso.

Il 3 febbraio Apple ha rimesso la freccia su Alphabet, dopo che la holding di Google aveva sorpassato l’azienda di Cupertino per valore di capitalizzazione a Wall Street.

Infine, il Nasdaq ha bruciato quasi il 13% dall’inizio anno. Metà dei 2.600 membri del listino tecnologico, fra cui Netflix e EBay, sono scivolati del 20% dai massimi di luglio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore