I torti di Microsoft e Apple

Management

In questi giorni un filo rosso va da Microsoft a Apple: se Apple spinge Safari su Windows sfruttando la popolarità di iTunes (una tecnica che sembra più un metodo per diffondere un malware che un sistema per aggiornare un browser), Microsoft rilascia il primo service pack per Vista con driver incriminati, incompatibili con l’installazione di Vista SP1. Comportamenti che hanno fatto scattare la rabbia degli utenti, sia Apple sia Microsoft.

Un filo rosso unisce in queste ore Microsoft e Apple. Ma non è un merito, bensì un torto. Iniziamo da Microsoft.

Microsoft ha finalmente rilasciato il primo service pack per Windows

Vista, ma ci sono driver incompatibili con l’installazione di Vista SP1: a Redmond hanno deciso che i driver non vanno bene, quindi vanno aggiornati (anche con un driver uguale, è la procedura di installazione che crea problemi). La lista è in continuo aggiornamento.

Apple invece ha deciso di spingere Safari agli utenti Windows, sfruttando la popolarità di iTunes: ma questa mossa ha indispettito Mozilla.

Apple ha deliberato di utilizzare i suoi utenti Windows di iTunes (in pratica i milioni di possessori di Ipod), per guadagnare in fretta quote di mercato per il suo Web

browser Safari. La mossa di Apple è pessima per due ragioni: un programma di update non carica nuove applicazioni, ma aggiorna solo quelle esistenti. Se proprio vuole essere invadente e suggerire di installare qualcosa di nuovo deve avvisare l’utente e non selezionare nulla automaticamente.

Anche le ultime patch sia di Microsoft che di Apple non sono andate per il verso giusto: i conti non tornano con la patch per Excel, una falla zero-day rimasta senza update di sicurezza per molto tempo; mentre l’ultimo aggiornamento di Mac OS X tentenna. Il Security Update 2008-002 causerebbe problemi a SSH e driver stampanti, legati a un bug in Instant Hijack.

Insomma, non tutte le ciambelle escono con il buco, e entrambi i colossi hanno torti da farsi da perdonare dagli utenti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore