Iab Europe: Il Web gratis vale 100 miliardi di euro e lo finanzia l’advertising online

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Il Web è morto? E nel 2020 ci saranno più Web o apps?

Il valore dei servizi gratuiti in Europa e USA è 5 volte superiore al costo dei servizi a pagamento: 100 miliardi, in crescita a 190 miliardi di euro nel 201. Lo studio di McKinsey & Company e Iab

Penso che lo studio commissionato a McKinsey & Company confermi una verità già evidente agli operatori del settore: l’advertising online è una grande risorsa per il web e per tutti gli utenti del mondo, che proprio grazie agli introiti che derivano dalla pubblicità possono usufruire di contenuti e servizi completamente gratuiti” afferma Roberto Binaghi, Presidente di IAB Italia: “Credo che il ruolo centrale dell’advertising online, anche nel nostro Paese, dovrà essere qualcosa di cui tenere conto nelle sedi di dibattito istituzionale, quando dovranno essere prese delle decisioni in merito ai possibili sviluppi del settore, come avverrà nei prossimi mesi in ambito di recepimento del cosiddetto ‘Pacchetto Telecom‘ che rischia di rallentare – senza apportare gli auspicati benefici alla privacy – lo sviluppo del mercato“.
Gli Europei passano mediamente 24 ore al mese collegati a internet, ma, pagato l’accesso a internet, quasi tutti i servizi che vengono regolarmente utilizzati nella vita quotidiana – e-mail, istant messaging, mappe, social network, giochi, musica, motori di ricerca e comparazione prezzi eccetera – sono completamente gratuiti: in gran parte finanziati dagli introiti generati tramite l’online advertising.

Ma qual è il valore dei servizi erogati gratuitamente all’utente sul web? IAB Europe, grazie allo studio commissionato a McKinsey & Company, afferma che il “consumer surplus” (relativo ai mercati di UK, Francia, Spagna, Italia e USA) vale 100 miliardi di euro.
Il “consumer surplus” rappresenta il valore economico dei servizi web gratuiti, al netto dei costi legati al servizio (quelli di connessione e accesso alla rete) e sempre tenendo presente il fenomeno dell’ “advertising disturbance”. Il consumer surplus ha un valore di 100 miliardi di euro, con una crescita annuale a doppia cifra.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore