Iab Forum 2016: Advertising online in rialzo del 9%, video a doppia cifra

MarketingPubblicità
Iab Forum 2016: Advertising online in rialzo del 9%, video a doppia cifra
1 3 Non ci sono commenti

La pubblicità in Rete corre a una sola cifra, ma totalizza 2.36 miliardi di euro. A trainare sono le componenti Mobile, video, social media e Programmatic advertising. Le cifre a Iab Forum 2016

Al MiCo Milano Congressi, IAB Forum 2016, intitolata Limitless Possibilities, ha messo al centro Mobile e video, i due segmenti che trainano gli investimenti pubblicitari su internet, che per l’ottavo anno consecutivo risultano in crescita. Il Mobile ha superato il desktop, mentre il video spopola. Il video rappresenta il formato della pubblicità digitale con la maggior crescita: ha registrato un incremento del 38% rispetto all’anno scorso a 505 milioni di euro di raccolta pubblicitaria. Il video rappresenta il 21% del totale del mercato advertising.

Iab Forum 2016: Advertising online in rialzo del 9%, video a doppia cifra
Iab Forum 2016: Advertising online in rialzo del 9%, video a doppia cifra

Ma il 2016 è anche l’anno del Mobile: per la prima volta in Italia gli utenti che hanno navigato in Rete da smartphone e tablet (25,2 milioni) hanno superato quelli che si sono collegati da Pc (22,1 milioni). Ma la raccolta pubblicitaria su Mobile deve essere ancora valorizzata: i Pc raccolgono ancora il 66% dell’advertising online, gli smartphone il 30% e le app su tablet si fermano al 4%; sotto l’1% le smart tv.

Nell’anno in corso, Google, Facebook e gli altri Over-the-top (Ott), insieme, detengono il 68% del mercato dell’advertising online.

L’advertising online, nel suo complesso, corre a una sola cifra, ma totalizza 2.36 miliardi di euro: ha registrato un incremento del 9% rispetto al 2015 (contro l’11% del 2015, 12% nel 2014, 14% nel 2013), trainato proprio da Mobile e video. Salgono anche gli investimenti pubblicitari sui social media, in crescita del +38% sul 2015. Il Programmatic advertising, altro segmento digitale fra i più dinamici, va al raddoppio e passa dal 6% nel 2014 al 13% sul totale di Internet Advertising: mette a segno un incremento del 32% sul 2015 per un totale di 310 milioni di euro.

Il display advertising cala del 4% rispetto al 2015, a 844 milioni di euro, ma rappresenta ancora il 36% del totale. Il search advertising, capitanato da Google, è salito del 6% e vale un terzo del mercato. I classified, ovvero gli annunci economici, segnano un incremento del 16% a 199 milioni. L’e-mail advertising aumenta del 6% e si attesta a 31 milioni di euro, mentre il native advertising crescedel 76% toccando ia 30 milioni.

Il mercato digitale in Italia arriva a valere – tenendo conto di tutto l’indotto – 52,9 miliardi di euro, secondo la ricerca condotta da EY e IAB Italia. Il settore digitale in Italia impiega 220 mila persone, di cui 55mila sul versante dell’offerta, 165mila sul fronte della domanda: “Il prossimo anno il digitale supererà come valore l’automotive“, ha precisato Andrea Paliani, responsabili degli advisory service di Ey per l’area mediterranea: “E tra dieci anni arriverà a 100 miliardi, al livello cioè dell’alberghiero e della ristorazione”.

WhitePaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il Whitepaper: Infografica: 5 cose da sapere sull’iperconvergenza

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore