Le parole d’ordine di Iab Forum 2010: WiFi libero, Freemium, Web apps

AziendeMarketing

A Iab Forum vanno in scena l’appello bipartisan per il WiFi libero e la lezione di Chris Anderson sui contenuti digitali a pagamento che decretano la fine del Web gratuito. Ecco cosa è il Freemium

A Milano è in corso lo Iab Forum 2010, l’evento sull’advertising online. Parte dal Mic (Milano Convention Center) di Fieramilanocity l’appello per il WiFi libero, promesso varie volte e rimasto finora lettera morta. Per il WiFi libero è necessario abolire (ovvero far decadere) il famigerato Decreto Pisanu (che lo stesso ex ministro ha sconfessato, chiedendo che non venga prorogato per l’ennesima volta).

A Iab Forum ha preso la parola anche Chris Anderson di Wired per spiegare che “la bellezza” consiste nella “semplicità” come dimostrano il design di iPhone e iPad. Ha anche tenuto a precisare che quando ha scritto che il “Web è morto” in realtà intendeva dire che, nell’era cloud, il “Web si sposterà sempre più verso le apps, i social network, il gaming, l’interatitività, il cinema on demand“. Anderson ha illustrato la genialità di iPad in tre parole: “semplicità, bellezza e contenuti“.

Ma agli editori, che vogliono traghettare il giornalismo dalla carta al digitale per la Bit Generation, Anderson consiglia il modello “freemium“: “Si parte da una base di contenuti gratuiti di primo livello per passare successivamente a contenuti più profondi che non sono gratis ma a pagamento“. Al vecchio “cowboy della console” Anderson vuole proporre non più solo di navigare gratis nelle praterie del Far Web, ma anche di provare le “stazioni” a pagamento: con Web apps “sexy” (e cioè: intriganti, accattivanti e patinate) tali da convincerlo a pagare. Secondo Anderson è dunque l’ora di scommettere sui contenuti digitali e sulle applicazioni nell’era tablet.

Roberto Binaghi, presidente di Iab Italia, prevede un buon andamento per il mercato della pubblicità sul Web: Internet è l’unico segmanto del mercato pubblicitario in crescita del 15% (contro il 3,2% della pubblicità classica) e quest’anno il giro d’affari taglierà il traguardo del suo primo miliardo di euro.

Iab Forum 2010 a Milano
Iab Forum 2010 a Milano
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore