IAB Europe: L’Italia è il quinto mercato dell’advertising online in Europa

AziendeManagementMercati e Finanza
Lexmark denuncia il tempo speso in attività manuali improduttive. Più IT per far aumentare la produttività in azienda

L’Italia si piazza al quinto posto, con un valore del mercato di 1,4 miliardi di euro. A trainare sono il mobile e e video advertising. I dati di IAB sulla pubblicità in Rete in Italia e in Europa

Nonostante l’euro-recessione e la crisi del debito, il mercato dell’advertising online ha archiviato il 2012 registrando una crescita dell’+11,5%, pari a un valore di 24,3 miliardi di euro in Europa. Video e mobile stanno trainando il mercato della pubblicità in Rete: il primo  ha compiuto un balzo del 50,6% nel 2012 (circa 661,9 milioni di euro), il secondo si è impennato del 78,3% (circa 392 milioni di euro). Lo riporta l’annuale rapporto AdEx Benchmark, realizzato da IAB Europe, suddividendo il mercato in 3 macro-categorie: Display, Classifieds e Directories, Paid-for-Search.

Al primo posto spicca il Regno Unito con un valore di 6,6 miliardi di euro, seguito dalla Germania con 4,6 miliardi di euro e dalla Francia con 2,8 miliardi di euro. L’Italia si piazza al quinto posto con un valore di mercato dell’advertising online pari a 1,4 miliardi di euro. “L’Italia, inoltre, che è storicamente un passo indietro rispetto ai principali Paesi Europei, quest’anno fa registrare un primato. Il video online ha raggiunto il 20% sul totale del segmento display (la media europea è del 13%), segnando il miglior risultato europeo. E’ per noi un importante indicatore culturale: la tradizionale preferenza degli italiani per la televisione ha determinato infatti la centralità del video anche nell’ambito digitale” ha commentato Simona Zanette, Presidente IAB Italia. A favorire la crescita di mercato più forte sono stati Russia (+34%) e Turchia (+30%).

Kimon Zorbas, CEO di IAB Europe, vede rosa: “Con una crescita del 15,3% nel 2011 seguita da quella dell’11,5% nel 2012, il nostro settore, contrariamente all’economia europea, continua a offrire performance notevoli. Il display advertising ha continuato la propria ‘rinascita’, guidato sia dalla sua affermazione come strumento di branding sia dall’esplosione dell’economia dei big data, che trova nella ricchezza delle metriche del mezzo online un valido alleato”.

Il mercato del Display Advertising ha chiuso il 2012, segnando un incremento del 9,1% totalizzando 7,8 miliardi in totale. A trainare la crescita è l’aumento della fruizione dei video online e su mobile che rappresentano rispettivamente il 13% e il 5% della Display Advertising. A favorire questo strumento so statistiche di audience più affidabili, misurazioni dei risultati di campagne più precisi, automazione e semplificazione nel campo degli acquisti degli spazi pubblicitari online.

Nel 2012 il mercato di Classifieds and Directories è cresciuto del 6,3% (contro il 5,7% del 2011) per un totale di 4,5 miliardi di euro. Significative sono anche le performance di Danimarca (+20%) e Svezia (+23,9).

Il Paid-For-Search ha messo a segno una crescita del 15,5%, toccando gli 11,9 miliardi di euro. A trainare è la Russia, con una crescita del 44,9% nel 2012. Anche Germania e Regno Unito sono continuati a crescere, grazie alla Search advertising. L’aumento degli investimenti da parte di piccoli inserzionisti e l’aumento delle ricerche effettuate da mobile e tablet, hanno fortemente contribuito alla crescita del settore.

IAB Europe: L'Italia è il quinto mercato dell'advertising online in Europa @shutterstock
IAB Europe: L’Italia è il quinto mercato dell’advertising online in Europa
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore