Iab Italia: l’Italia è il quarto Paese per investimenti in advertising online

AziendeMercati e Finanza
Iab Italia: l'Italia è il quarto Paese per investimenti in advertising online
1 3 Non ci sono commenti

Nel 2014 gli investimenti nella pubblicità in Rete sfiorano i 2 miliardi di euro. Iab Italia: il mercato cresce a due cifre. Italia nella Top ten dei Paesi che investono in advertising online

L’advertising online cresce del 12%. Nel 2014 sono stati investiti 1,9 miliardi di euro nella pubblicità in Rete. Confermate le previsioni espresse a Iab Forum 2014. Secondo Iab Italia, l’Italia ha intrapreso un percorso di crescita “ormai stabilmente avviato”, posizionandosi nella top ten dei Paesi che investono nell’advertising online: in quarta posizione, alle spalle di Gran Bretagna, Germania e Francia, ma davanti a Russia e Spagna.

Iab Italia: l'Italia è il quarto Paese per investimenti in advertising online
Iab Italia: l’Italia è il quarto Paese per investimenti in advertising online

La pubblicità sul Web in Italia registra un incremento del 12%, superiore alla media europea dell’11,6%, e superiore a Paesi come la Germania (che si ferma al 9,3%) e la Francia (in salita del 6,6%): “L’advertising online è una grande opportunità che dobbiamo essere sempre più in grado di cavalcare – spiega Carlo Noseda, presidente di Iab Italia nella nota -. La nostra associazione ha lavorato per stimolare l’interesse delle aziende investitrici verso il mondo della pubblicità online, penso all’ingresso di nuovi soci del segmento investitori. Un risultato che ci conferma che il percorso che stiamo seguendo è la strada da perseguire per contribuire alla crescita del nostro mercato.”

Il mobile advertising continua a correre, e i segmenti display e search si confermano strategici. Nel dettaglio, il comparto italiano della pubblicità Display balza del 17,4% (la media europea è del 15,2%).

Nella pubblicità Mobile, a febbraio, Iab aveva precisato che il 55% degli investimenti su dispositivi mobili arriva da investimenti che negli anni scorsi erano applicati ad altri media e ben il 30% è invece costituito da nuovo budget, stanziato ad hoc per questo segmento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore