AcquisizioniAziende

Ibm acquisisce Ustream

Ibm acquisisce Ustream
1 7 Nessun commento

Braxton Jarratt, ex Ceo di Clearleap, guiderà la nuova unità di Ibm, frutto delle acquisizioni in ambito video

Ibm acquisista Ustream, startup specializzata in video. La cifra della transizione non è stata resa nota, ma Fortune ipotizza che Big Blue abbia pagato 130 milioni di dollari. Ibm potrebbe fondare una nuova unità video, combinando precedenti acquisizioni nel settore, per vendere, attraverso la piattaforma cloud, servizi video a National Football League (NFL), HBO (quest’ultima sta per espandersi in Spagna) e Food Network.

Ibm acquisisce Ustream
Ibm acquisisce Ustream

Ustream è l’ultima acquisizone in ambito video e segue quelle di Clearleap, piattaforma video multi-device; Cleversafe, venditore di data storage, e Aspera, provider di file-transfer software.

Combinando le tecnologie, Ibm aiuterà i clienti a portare servizi video evoluti a utenti consumer e business su più dispositivi. Braxton Jarratt, ex Ceo di Clearleap, guiderà la nuova unità IBM. Il mercato del software video basato sul cloud raggiungerà i 105 miliardi di dollari dal 2019.

Con questa mossa, l’azienda guidata dal Ceo Ginny Rometti avrà la capacità di effettuare streaming di video a qualsiasi dispositivi in qualità veramente alta.

Nel settore del live-streaming e video, Ibm deve affrontare competitor come Amazon che acquisì Twitch, reso popolare nello streaming di video game, per 970 milioni di dollari; Twitter, che l’anno scorso ha comprato Periscope; inoltre, Facebook e Snapchat stanno lavoramdo per migliorare la visione dei video.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici