Ibm avvicina i giovani alla matematica con i videogame

FormazioneManagement

Un incontro aperto al pubblico fa comprendere il profondo background
scientifico dei più recenti video game e insegna a coltivare le materie
scientifiche

Demonizzare i videogiochi è senza senso e anacronistico. IBM ha organizzato un incontro aperto al pubblico per far comprendere il profondo background scientifico dei più recenti video games e ha invitato gli studenti delle Scuole Medie a coltivare la matematica e le scienze. L’incontro ha avuto come sede il centro IBM di East Fishkill, New York, dove vengono realizzati i microprocessori che costituiscono il cuore dei più recenti sistemi della Sony, della Microsoft e della Nintendo. IBM distribuirà un kit di formazione, composto da documenti stampati, video e altri materiali multimediali ai membri della IBM On Demand Communit y, l’iniziativa globale IBM di volontariato che conta quasi 80,000 fra dipendenti e pensionati, che potranno utilizzarli nelle loro attività per far comprendere le tecnologie avanzate che stanno alla base dei moderni videogames. Attraverso numerosi programmi di formazione, dedicati addirittura alla scuola dell’infanzia per arrivare fino alle scuole superiori, tutti gli anni IBM coinvolge studenti e docenti con l’obiettivo di promuovere la conoscenza delle discipline scientifiche, stimolare l’interesse verso queste materie e incoraggiare i ragazzi a proseguire nei loro studi. Gli studenti hanno potuto vedere direttamente alcune applicazioni, quali ad esempio un r endering 3-D di un cuore umano e hanno potuto incontrare Jai, il ?portavoce? della tecnologia IBM nel mondo digitale. Inoltre, gli studenti hanno avuto l’opportunità di sperimentare personalmente la nuova generazione di console da gioco e di incontrare alcuni dei responsabili dello sviluppo dei microprocessori che li alimentano. Partendo addirittura da bambini in età prescolare, il programma internazionale KidSmart Early Learning di IBM avvicina i bimbi alla matematica e alle scienze attraverso le postazioni multimediali Young Explorer (Giovane Esploratore): In Italia partecipano al programma circa 2 00 scuole dell’infanzia distribuite su tutto il territorio nazionale a cui sono state donate in totale oltre 430 postazioni. Per le scuole medie invece IBM ha realizzato il programma TrySciencewww.tryscience.org – il primo museo scientifico globale online, in grado di rendere facile e divertente per ragazzi, insegnanti e genitori l’esplorazione del mondo della scienza e dell’ingegneria. Inoltre, grazie al programma di IBM MentorPlace i dipendenti IBM assistono gli studenti online, fornendo loro aiuto su questioni di tipo universitario e consulenza di carriera. Nel 2006, IBM e la Computer Science Teachers Association hanno introdotto il libero accesso alle risorse informatiche per gli insegnanti delle scuole superiori. Con pochi clic, gli insegnanti possono accedere ad una serie di programmi formativi, di testi guida e sintesi di argomenti in modo da essere in grado di introdurre concetti di programmazione di computer e di progettazione di siti Web nelle quotidiane lezioni di informatica, di matematica e di scienze.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore