IBM e il Ministero dell’Educazione cinese hanno annunciato il lancio di "China Grid"

Management

Una gigantesca "griglia" con una potenza pari a 15 trilioni di operazioni al secondo

Il progetto, il più ambizioso varato da un Governo fino ad oggi, inizia ad Ottobre il proprio periodo di sperimentazione coinvolgendo sei Università cinesi; la piena implementazione garantirà la connessione di oltre 200.000 utenti, tra studenti e docenti, in circa 100 università. La soluzione implementata da IBM sfrutta le enormi potenzialità della nuova tecnologia di WebSphere che supporta gli standards Open Grid Services Architecture (OGSA); al momento sono stati utilizzati 49 servers IBM xSeries che funzionano con Linux, a cui si aggiungono 6 server pSeries con sistema operativo AIX e IBM TotalStorage FAStT200 per l’immagazzinamento dei dati. La realizzazione di “China Grid” permetterà la semplificazione del modo in cui studenti e ricercatori avranno accesso alle risorse accademiche, scientifiche e tecnologiche. Se finora ogni Università scriveva applicazione proprietarie, condivisibili solo all’interno di un network estremamente limitato, con China Grid le università saranno connesse attraverso un hub virtuale . IBM e le università che partecipano al progetto creeranno inoltre un comune Centro di Ricerca un altro progetto significativo è legato alla Bioinformatica : è stata realizzata una piattaforma integrata che ha consentito a diversi enti di ricerca di condividere dati e risorse di computing per svolgere analisi complesse come l’analisi strutturale delle proteine. Il sistema Grid è stato usato anche per supportare l’identificazione e l’analisi dei diversi ceppi del virus della SARS.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore