Ibm, mercato altalenante, ma trimestre in crescita

Aziende

Fatturato oltre i 23 miliardi e utili increscita del 18%. Ma non tutti i
segmenti di business sono andati bene.

Un secondo trimestre sostanzialmente positivo per Ibm, che registra però sofferenze in alcuni comparti, tra questi quello relativo ai software e l’area Global financing. Il fatturato del periodo si è attestato a 23.2 miliardi di dollari con una crescita del 7%; buoni anche gli utili, i quali, con un aumento del 18%, si sono attestati a due miliardi, equivalenti a 1.16 dollari per azione contro i 97 centesimi del corrispondente trimestre 2003. Mark Loughridge, responsabile finanziario della multinazionale (Cfo) ha dichiarato che la spesa dei clienti è in miglioramento, ma non uniforme sia considerando le aree geografiche, che i vari segmenti di mercato. Il comparto hardware va molto bene e incamera un 10% di rialzo, a quota 7.4 miliardi di dollari, grazie soprattutto alle vendite della linea zSeries; altrettanto bene l’area Global Service con un incremento del 2%. Mentre il segmento software rimane fermo e l’area Global financing scende di un pesante 6% attestandosi a 700 milioni di dollari. Secondo Loughridge, la ripresa in atto dovrebbe consolidarsi nella seconda metà del’anno, con l’intero settore It in crescita del 4/5% a fine 2004. Se questi dati verranno confermati, si tratterebbe del miglior risultato dopo la debacle successiva al 2000.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore