IBM: oltre 63.000 monitor a rischio di incendio

Stampanti e perifericheWorkspace

IBM e il suo fornitore taiwanese LiteOn Technology hanno ritirato dal mercato monitor da 15 pollici che potrebbero andare in fiamme.

Il rischio colpisce decine di migliaia di monitor per computer modello G51 e G51t prodotti da LiteOn e venduti da IBM, fabbricati più di cinque anni fa. Il primo annuncio di ritiro dal mercato, avvenuto il 4 marzo, si riferiva a 56.000 monitor. La settimana scorsa se ne sono aggiunti altri 63.000, i modelli G51 e G51t prodotti fino al settembre 1998. Il circuito stampato del monitor può surriscaldarsi e fumare, con il rischio di incendiarsi. Dal 2001, IBM e LiteOn hanno ricevuto sette rapporti relativi a monitor surriscaldati e fumanti, nessuno dei quali ha provocato seri danni agli utenti. I monitor ritirati da Ibm comprendono i modelli G51 CRT (Cathode Ray Tube) e G51t Touch Screen, che hanno i seguenti numeri di serie stampato sul retro: 6541-02N, 6541-02E, 6541-02S, 6541-Q0N, 6541-Q0E, e 6541-Q0S. L’etichetta dei modelli pericolosi G51 riporta anche la data di fabbricazione, avvenuta tra il mese di giugno 1997 e il mese di settembre 1998. Il logo IBM si trova sulla parte anteriore delle unità. Tra il 1997 e il 1999, LiteOn Technology ha prodotto per IBM approssimativamente 700.000 monitor della serie G51in Malesia, Cina e Gran Bretagna. Ammontano a circa 377,706 i monitor con componente fallato che sono stati distribuiti in tutto il mondo, di cui 118.098 venduti negli Stati Uniti. IBM, MicroTouch Systems, e i più grandi rivenditori negli Stati Uniti, tra cui Best Buy, CompUSA, Office Max, e Radio Shack, hanno venduto questi monitor da giungo 1997 a dicembre 1998 ad un prezzo di 370 dollari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore