Ibm passa a Firefox e compra BigFix

AcquisizioniAziendeMarketing

Con l’acquisizione di BigFix Ibm intende migliorare la gestione dei datacentre e ampliare l’offerta dei software enterprise. Intanto Ibm adotta il browser open source di Mozilla

Ibm acquisisce BigFix per circa 400 milioni di dollari (secondo Bloomberg; Ibm non ha reso noto la cifra). BigFix è specializzata in programmi in grado di automatizzare sicurezza e compliance. Con questa acquisizione IBM intende migliorare la gestione dei datacentre e ampliare l’offerta dei software enterprise. La chiusura della transazione avverrà nel terzo trimestre.

Il Ceo di Ibm, Sam Palmisano, ha detto di voler spendere 20 miliardi di dollari in acquisizioni nel prossimo quinquennio. L’unità software, quella a più elevata profittabilità, ha messo a segno 60 acquisizioni dal 2003. Solo di recente Ibm ha acquisito Sterling Commerce per 1,4 miliardi di dollari e poi CoreMetrics.

Infine Ibm ha annnunciato l’adozione di Firefox come browser di default in azienda. Per il browser open source di Mozilla è una buona notizia, proprio nel mese in cui Internet Explorer è tornato a crescere a sue spese.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore