Ibm punta al mid market

Management

xSeries 460 e Total Storage DS4800 la risposta Big Blue per il mercato delle medie aziende

Un server a quattro vie in grado di scalare facilmente fino a 32 vie in configurazione a otto chassis, che può aumentare on demand la capacità in funzione delle esigenze del business. È quello che promette il nuovo server Ibm xSeries 460. La macchina, già pronta per il dual core, si basa sull’architettura X3 che si propone di portare le funzionalità dei mainframe anche ai server Intel con microprocessore Xeon Mp a 64 bit. È studiata per ospitare database, Erp, Crm e per il consolidamento delle aziende di medie dimensioni. In linea con la strategia di Big Blue di spingere la vendita di soluzioni, specialmente in ambito di server consolidation e di virtualizzazione. “La spesa it sarà guidata dall’acquisto di soluzioni che raggiungeranno nel 2007 il 72% della spesa complessiva”, spiega Giovanni Linzi, Vice President System and Technology Group Ibm South Region. “Invece le soluzioni di business guidate dalle applicazioni cresceranno a un tasso medio dell’8%”. Una strategia che Ibm vuole percorrere insieme ai partner, ingaggiati su due modelli di business: volume e valore. Chi abbraccerà il valore dovrà pianificare una riduzione della complessità per gli ambienti It, attraverso il consolidamento fisico dei server, cosa che secondo Linzi sta già ampiamente succedendo nelle aziende italiane. Lo step successivo che in Italia sta muovendo i suoi primi passi, prevede una semplificazione logica attraverso la virtualizzazione di server, networking e storage. Infine è stato presentato un nuovo server storage per il mid market da quattro gigabit al secondo. È il modello Total Storage DS4800 caratterizzato da una scalabilità che permette di consolidare fino a 67 terabyte di dati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore