Ibm ristruttura in Europa

Aziende

Tagli fino a 13.000 posti è il costo della riorganizzazione di Big Blue. La riduzione del personale riguarderà Germania, Gran Bretagna e Francia, Italia a rischio

Ibm taglierà più dei dei 10 mila posti di lavoro fino alla scorsa settimana ipotizzati: la ristrutturazione potrebbe infatti coinvolgere fino a 13.000 dipendenti di Ibm in Europa. All’annuncio del maxi taglio da parte di Big Blue, il titolo Ibm ieri è risalito di 84 cents, a ridosso di 78 dollari: l’ultimo trimestre era stato giudicato deludente e le ipotesi dei tagli erano già state preannunciate. IBM in area Emea ha circa centomila dipendenti. La riorganizzazione delle filiali europee avverrà sia per il management che per il personale.

Tra i paesi europei coinvolti dai tagli, saranno Germania, Gran Bretagna e Francia. Ma anche l’Italia è a rischio: il 12 maggio è previsto un incontro tra l’azienda e i sindacati.In Italia l’organico di Ibm ammonta a 13.500 dipendenti. La pesante ristrutturazione è destinata al completamento della trasformazione di Ibm in Global services. Il colosso deve acquistare agilità per fornire servizi e outsource a livello globale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore