Ibm sfida Intel a 28 nanometri

ComponentiWorkspace

L’alleanza guidata da Ibm entra nella frontiera dei 28 nanometri, dopo aver presentato i 32 nanometri

Mentre Intel ha da poco svelato la roadmap a 32 nanometri, Ibm sfonda la soglia dei 28 nanometri. L’alleanza guidata da Ibm entra nella frontiera dei 28 nanometri, dopo aver presentato i 32 nanometri.

I chip sono destinati a diventare sempre più piccoli, miniaturizzati e low-power.

L’alleanza, guidata da Ibm, comprende: Chartered Semiconductor Manufacturing, GlobalFoundries, Infineon Technologies, Samsung Electronics e STMicroelectronics. Ricordiamo che GlobalFoundries è lo spin-off di Amd e Advanced Technology Investment (del governo di Abu Dhabi).

Le prime produzioni (early risk production) con tecnologia high-k metal gate da 28-nm avverranno nella seconda metà del 2010, mentre Intel sarà impegnata sui 32 nanometri. Amd passerà ai 32 nanometri a metà dell’anno prossimo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore